Progetto sorveglianza mortalità materna

(ASCA) - Palermo, 30 gen - In Sicilia e' stato avviato un progetto pilota di sorveglianza della mortalita' materna in Italia, coordinato dall'Istituto superiore di sanita' (Iss), che coinvolge oltre alla Sicilia altre sei Regioni (Veneto, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Campania), con l'obiettivo di aumentare la sicurezza del percorso nascita. Le morti materne, infatti, benche' rare in un Paese socialmente avanzato come il nostro, sono una priorita' di salute pubblica sia per la loro indiscutibile drammaticita', sia perche' almeno nella meta' dei casi possono essere evitate. Questa e' la seconda tappa di un percorso iniziato con lo ''Studio sulle cause di mortalita' e morbosita' materna e messa a punto di modelli di sorveglianza della mortalita' materna'', realizzato dall'Iss fra il 2008 e il 2010 su dati degli anni precedenti, cui fra le altre Regioni ha partecipato anche la Sicilia. Lo studio ha permesso di dimostrare che le schede di morte Istat sottostimano largamente il fenomeno della mortalita' materna, e che questo presenta una forte variabilita' geografica. In questo confronto la Sicilia ha mostrato una mortalita' materna molto piu' elevata delle altre Regioni partecipanti allo studio (24,1/1000.000 nati rispetto ad una media di 11,8/100.000 nati), un dato che e' diventato il necessario punto di partenza per la riorganizzazione della rete dei punti nascita, di concerto con le societa' scientifiche, adeguandola a standard e linee guida nazionali e internazionali per migliorarne la sicurezza, come previsto nel Piano Sanitario 2011-2013. Questo nuovo progetto di sorveglianza ha lo scopo di rilevare tutti i casi di morte materna che avvengono sul territorio delle Regioni coinvolte e individuarne le cause cliniche ed organizzative associate per promuoverne la prevenzione. Il progetto ha anche un obiettivo di piu' ampio respiro, cioe' di promuovere una cultura della trasparenza finalizzata al miglioramento dell'assistenza e non alla colpevolizzazione dei professionisti, al fine di ridurre le morti materne evitabili e di promuovere le buone pratiche nell'assistenza alla gravidanza. Infatti un momento fondamentale del progetto, al verificarsi di un caso di morte materna, e' l'audit, ossia la riunione tra tutti i professionisti sanitari che hanno assistito la donna deceduta. Questo confronto tra pari ha la finalita' di ricostruire il percorso assistenziale per identificare le azioni utili o dannose che si sono dimostrate rilevanti ai fini dell'esito, in modo da migliorare l'organizzazione e diffondere le buone pratiche fra gli operatori sanitari. Nel progetto sono coinvolte tutte le strutture pubbliche e private che assistono il parto.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 30/01/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbe interessarti anche...



Vetrina immobiliare

Vendesi rudere con terreno Monte Rosa Lipari
Vendesi casa a Quattropani Lipari Vendesi casa a Quattropani Lipari
280.000
Vendesi villa Quattrocchi Lipari Vendesi villa Quattrocchi Lipari
270.000
Vendesi villa Cappero Lipari Vendesi villa Cappero Lipari
830.000

Vendesi appartamento primo piano Quattropani Vendesi appartamento primo piano Quattropani
Trat. riserv.

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Bavette al pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz