Cocco: " l'imprevisto è stoltezza"

Riceviamo da Gianandrea Coco e pubblichiamo: E’ un ricordo d’infanzia. Forse di prima della scuola. Di certo prima della quinta elementare. All'epoca si andava occasionalmente a trovare dei conoscenti che stavano in campagna in un casolare di contadini della pianura emiliana. In particolare, una primavera la gatta, che svolgeva il duplice ruolo di compagnia per l’anziana nonna e di cacciatrice di topi, aveva da poco messo al mondo – credo – cinque cuccioli. La visita si svolse più o meno come di consueto ma con una nostra maggior permanenza nel cortile incoraggiati dalla primavera e il suo piacevole tepore (all'epoca le mezze stagioni c’erano ancora). Bambino timido ero poco interessato ai discorsi dei “grandi” e mi guardavo intorno. I gattini, che ancora non avevano un mese di età, giocavano alla finestra del primo piano. Uno di loro, volendo afferrare una farfalla, incautamente cadde nel vuoto e, a dispetto delle sue presunte sette vite, morì nella caduta. Gli altri gattini rimasero qualche istante a vedere il loro “fratello” e la sua misera fine ma poi ripresero la loro attività ludica. Ho fatto questa premessa personale perché mi pare che spesso noi siamo proprio come un gatto alla finestra a cui le disgrazie o le vicende, che pur ci toccano da vicino, non interrompono la normale attività se non per un breve intervallo di tempo, trascorso il quale, tutto torna esattamente come prima. Rischiamo di essere comparse nelle nostra stessa vita di cui, non solo non cerchiamo di scrivere il copione, non solo lasciamo che siano altri - altrove e senza amore - a scriverlo, ma viviamo questo con ignavia e rassegnazione. E’ come se, spesso, la nostra vita non ci interessasse realmente, contendendoci di trascorrerla anestetizzando dolori e domande che la stessa inevitabilmente ci pone. Nulla sembra destare il nostro interesse, forse neanche lo vogliamo. L’imprevisto , sola speranza, invocato da Montale in una sua celebre poesia è veramente per molti stoltezza. Invece, è solo tenendo aperti cuore e mente che non ci si abbassa al livello di animali, che ci si alza a quello di uomini. E’ solo tenendo accesi in sé domanda e desiderio che si è uomini vivi, solo essendo cercatori di infinito si diventa costruttori di storia, solo riconoscendoci creature generate (e quindi in relazione con un Altro che si vuole seguire) si può a nostra volta generare. Solo assumendosi il rischio di costruire si rende la propria vita degna di essere vissuta. Perché, per dirla con Lee Master “Dare un senso alla vita può condurre a follia ma una vita senza senso è la tortura dell’inquietudine e del vano desiderio è una barca che anela al mare eppure lo teme.” Per cui l’alternativa è se essere nave in porto con le vele ammainate, o veliero maestoso che solca i mari; fra essere uomo vivo o un gatto alla finestra. Buona e vissuta vita a tutti.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 26/04/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbe interessarti anche...



Vetrina immobiliare

Vendesi villa indipendente Acquacalda Lipari
Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari
820,000
Villa con terreno edificabile Lipari Villa con terreno edificabile Lipari
550,000
Vendesi casa Marina Lunga Lipari Vendesi casa Marina Lunga Lipari
270,000
Villetta Tipica S. Margherita Lipari Villetta Tipica S. Margherita Lipari
165,000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Stroncatura secca

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz