I "pagghiari" di Alicudi

I "pagghiari" di Alicudi

 

 

 

 

 

 

 

 

La curiosità per le bellezze e le attrazione delle Isole Eolie ci porta, oggi, a scoprire qualche particolarità di Alicudi.

Isola aspra e selvaggia, è il simbolo della convivenza tra uomo e natura. Il territorio di Alicudi, infatti ha una struttura molto complessa e ostile agli insediamenti, ma l’uomo è riuscito a conquistarla cercando di non incidere in maniera troppo negativa sull’ambiente: non ha infatti violato l’aspetto selvaggio dell’isolotto, anzi ha reso questo luogo affascinante, un misto tra magia e mitologia.
Anche Alicudi, così come le sue sorelle, offre ai visitatori delle bellezze naturali e panoramiche da spezzare il fiato. Sono diversi i punti di interesse da cui ammirare un paesaggio suggestivo e questo è possibile per la presenza dei numerosi terrazzamenti: gradoni alti circa 4 metri che delimitano le piccole proprietà degli abitanti, ricoperti dai capperi e dai ficodindia che danno colore allo scenario.Ma l’isola di Alicudi offre ancora altro: qualcosa che si mescola con il presente e il passato, qualcosa che dà l’impressione che il tempo si sia fermato. I famosi “pagghiari” di Alicudi. Elementi caratteristici dell’architettura locale, sono presenti in tutte le strutture antiche. I “pagghiari” nascono per l’esigenza dei pastori di ripararsi nel caso in cui venissero sorpresi da piogge e temporali durante le loro passeggiate con il pascolo. È un ambiente piccolino, a pianta circolare, coperto da una volta costruita con la tecnica delle pietre giustapposte. All’interno, i pastori lasciavano gli attrezzi necessari alla lavorazione di terra e paglia. Le operazioni di costruzione erano molto complesse e richiedevano la presenza di uomini adulti e forti per lo spostamento delle pesanti pietre. La lavorazione era comunque precisa e ben fatta, tanto che oggi sono pochissime le strutture crollate. I “pagghiari” si trovano lungo i sentieri rappresentando, così, quel valore in più delle passeggiate dei visitatori, che si ritrovano ad ammirare un paesaggio selvaggio ma allo stesso tempo poetico, si sentono quasi come i soggetti di un dipinto neorealista.

Non resta che… provare per credere!

di Maria Catanuso
 



Data notizia: 30/04/2015

Tags

Alicudi - pagghiari - Eolie - natura -



Condividi questo articolo

 


Potrebbe interessarti anche...



Vetrina immobiliare

Vendesi rudere panoramico Quattropani Lipari
Vendesi villa Quattrocchi Lipari Vendesi villa Quattrocchi Lipari
270,000
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
680,000
Vendesi primo piano Canneto Lipari Vendesi primo piano Canneto Lipari
165,000
Vendesi rudere panoramico Quattropani Lipari Vendesi rudere panoramico Quattropani Lipari
80,000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Pasticciotti alla Compòsta di more by Isabella Libro

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz