Filicudi, in allestimento il "museo sommerso"

Filicudi, in allestimento il "museo sommerso" Filicudi- Le antiche anfore sparse sul fondo di Capo Graziano sono la traccia più evidente di un relitto che da oltre duemila anni è custodito dal mare di Filicudi, nelle Eolie. Ed è questo il cuore di un nuovo percorso archeologico subacqueo, un «museo sommerso» per la Sicilia dopo il successo dei primi progetti della Soprintendenza del Mare. Inizieranno oggi i i lavori per l'allestimento del sito, che sarà presto visitabile dai turisti-subacquei dopo essere stato per anni vietato alle immersioni. Boe di segnalazione superficie, cime per scendere sul fondo e per indicare il percorso da seguire, indicazioni per non perdere l'orientamento e per segnalare i reperti da vedere: sarà così possibile, indicativamente dal 20 luglio, immergersi scoprire i resti del «relitto A», una nave di età ellenistica naufragata fra il III e il II secolo a.C., e i tanti altri reperti sparsi nelle vicinanze. Un'anteprima del percorso museale subacqueo è stata data , direttamente sott'acqua, in un'immersione con il sovrintendente del Mare Sebastiano Tusa: scendendo lungo i fianchi dell'insidiosa secca che nei secoli ha fatto naufragare più di una nave, si vedono le prime anfore ad una profondità intorno ai 30 metri, poi si scende ancora fino a circa 45. L'acqua cristallina di Filicudi lascia filtrare la luce del sole, permette una «caccia» alle tracce del passato con una piena visibilità anche a quella profondità.Con l'allestimento del sito, affidato all'esperto locale Nino Terrano che ne sarà anche custode, si raggiunge «il traguardo importante» – ha detto Tusa presentando poi l'iniziativa a terra, nel suggestivo piccolo borgo di Pecorini – di rendere «finalmente fruibile, ed in piena sicurezza, uno dei siti storici più noti del mare delle Isole Eolie». E così, indirettamente, sarà anche possibile «finalmente salvaguardare e tutelare quel che resta di una ricchezza archeologica che negli scorsi decenni è stata saccheggiata» dai furti di reperti.Il progetto, che nasce da una idea del giornalista Michele Guccione ed è finanziato dall'Assessorato regionale al Turismo, potrà poi essere sviluppato anche con un sistema di telecamere sommersa che permetterà ai turisti di guardare i siti archeologici sommersi da terra, sul video.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 7/7/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Quattropani rudere panoramico Lipari
Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
250.000
Rudere Tivoli Quattropani Lipari Rudere Tivoli Quattropani Lipari
68.000
Casa padronale con vigneto Lipari Pianoconte Casa padronale con vigneto Lipari Pianoconte
450.000
Rudere panoramico Lipari Rudere panoramico Lipari
230.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Agghiotta di pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult