Nelle scuole è già tempo di vacanze

Gazzetta del Sud Sebastiano Caspanello Messina Il clima è ancora incerto, le nubi sparse in cielo non invitano ancora al mare, eppure in buona parte delle scuole della città sembra già essere tempo di vacanze. Un "rompete le righe" che non può essere ufficiale ma che di fatto è già avvenuto in tante classi messinesi, senza distinzione di età o di zone. Un'usanza ormai collaudata, ma certamente discutibile, vuole che già nell'ultima settimana di maggio, al massimo la prima di giugno, gli zaini finiscano in cantina insieme a quaderni, libri e astucci, inaugurando ufficialmente l'estate. L'anno scolastico si concluderebbe in realtà sabato 12 giugno? Poco importa, molte scuole elementari, medie ma anche istituti superiori, nel calendario, nemmeno l'hanno cerchiato in rosso, perché il rompete le riche è stato anticipato. Per la gioia di alunni, studenti e bambini (perfino nelle scuole dell'infanzia, per le quali l'anno si conclude il 30 giugno, il fenomeno è diffusissimo) e la "disperazione", il virgolettato è d'obbligo, dei genitori. Soprattutto di coloro i quali lavorano, e che con un mese o poche settimane d'anticipo si ritrovano con un bel grattacapo da affrontare: a chi affidare i propri pargoli? No problem, ci sono i grest, quasi tutti a pagamento, ci mancherebbe, guarda caso già in procinto di partire (perché aspettare la "fine" della scuola?). La tendenza è questa, poche storie, anche se il nuovo provveditore agli studi di Messina, Cataldo Dinolfo, tende a ridimensionare il caso. «La scuola finisce il 12 giugno – ribadisce – o il 30 per le scuole dell'infanzia, non è ammissibile che si anticipino informalmente queste date. Certo, è un fenomeno che alle superiori è più diffuso, c'è qualche assenza in più, ma che siano gli stessi insegnanti ad invitare i genitori a non portare più i propri figli a scuola, questo no. Credo che la gente esageri, se esistono fatti "patologici" vanno segnalati, ma credo siano casi sparuti. Ad ogni modo, anche quelli vanno assolutamente stigmatizzati. È la legge che lo dice». Già, la legge. Fin dal 2004 è previsto, per elementari e medie, che senza aver presenziato a scuola per almeno tre quarti dell'orario annuale non è considerato valido l'anno scolastico. Con la riforma Gelmini l'obbligo è stato esteso anche alle superiori, tanto che qualcuno fa i conti per non "sforare". Ma nonostante questo pare che il fenomeno non si sia affatto ridimensionato. Ufficialmente o meno, l'anno scolastico si avvia comunque a conclusione. Ed è tempo di bilanci, come quello, assolutamente parziale, che già può stilare il provveditore Dinolfo, che da un mese esatto (era il 3 maggio) si è insediato a Messina al posto di Gustavo Ricevuto. «Martedì – ci spiega – mi riunirò con tutti i dirigenti scolastici per approfondire alcuni aspetti. Messina ha una tradizione scolastica importante, ma va ricordato che i dirigenti sono autonomi. E una scuola va bene se ha un dirigente all'altezza. Soprattutto, la scuola la fanno i docenti, quando sono bravi allora funzione tutto bene. Certo, ormai ci sono docenti che sono arrivati a svolgere la professione con leggi speciali e altre vie, ma anche in questi casi quelli bravi ci sono, eccome. La riforma? Ci vorrebbe più tempo per valutarla, ma oggi è caratterizzata da tagli che creano problemi sia di tipo culturale che di tipo sociale. 460 posti in meno non sono pochi, è qualcosa di terrificante, soprattutto per i precari. E mina un principio costituzionale, che è il diritto allo studio». Che si estende fino al 12 giugno...

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 6/5/2010

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Villetta Tipica S. Margherita Lipari
Palazzina centro Lipari Palazzina centro Lipari
220.000
Villa unica Pianoconte Lipari Villa unica Pianoconte Lipari
1.100.000
Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
250.000
Casa eoliana San Leonardo Lipari Casa eoliana San Leonardo Lipari
525.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Dùrci i casa by Tiziana Basile

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult