Caro sottosegretario Reina...(2)

Caro sottosegretario Reina...(2) segue Lo stesso ragionamento è applicabile all’area di Marina Lunga, oggetto, qualche anno fa, di lavori relativi all'arredo urbano per una passeggiata vista mare, inoltre nella baia, come ha potuto facilmente osservare dalla banchina degli aliscafi, insistono 4 pontili galleggianti che, di anno in anno, garantiscono l'ormeggio estivo e l'erogazione di una serie di servizi, garantendo reddito a numerose famiglie eoliane, lo stesso dicasi delle attività economiche che sono via via sorte nel lungomare e che saranno cancellate da una struttura commerciale ex novo che verrà realizzata all’interno della nuova portualità. L’esperienza positiva dei pontili galleggianti doveva suggerire ben altri interventi, limitando le opere a mare per la messa in sicurezza delle abitazioni, con interventi a basso impatto ambientale ed in grado di ricreare la spiaggia vero ammortizzatore naturale a protezione delle abitazioni. Consentire ai gestori dei pontili galleggianti di approntare una serie di opere per la messa in sicurezza dei pontili. Niente di tutto questo. Arriviamo, infine, al Porto di Sottomonastero. Da anni i consiglieri comunali, i comandanti delle navi e degli aliscafi, gli operatori del Porto, chiedono di poter affrontare collegialmente la discussione sulla “messa in sicurezza”, questa fatta con soldi pubblici, denaro nostro e non di privati, come qualcuno vuol far credere, ma che rischiamo di essere l’ennesima cattedrale nel deserto. Un’opera inutile e che finirà che danneggiare irrimediabilmente la nostra portualità commerciale. Tutti gli eoliani vogliono i porti, porti funzionali, utili alla nostra comunità, che scaturiscano da un dibattito ampio e trasparente, senza imposizioni verticistiche, porti che diventino risorsa economica di tutti gli operatori commerciali eoliani e non risorsa economica in mano di pochi. Sono favorevole alla riorganizzazione di Sottomonastero e Pignataro; sono contrario alle previsioni per Marina Corta e Marina Lunga e ritengo che vadano totalmente riviste. Tuttavia ritengo che il consiglio comunale sia pronto a ridiscutere l'intera problematica stabilendo delle precise direttive e priorità sui progetti che vedono la nostra comunità sostanzialmente d’accordo in modo da poterli approvare con un'ampia maggioranza o anche all'unanimità. Personalmente ritengo che la priorità principale, la più urgente, sia quella che riguarda la realizzazione delle opere per l’approdo di Sottomonastero. Ulteriore priorità è quella del Porto Pignataro. Soltanto dopo l’entrata a regime del Porto di Pignataro, il consiglio Comunale e la comunità eoliana, potranno confrontarsi con la realizzazione di eventuali ulteriori opere portuali indirizzate alla nautica da diporto, specificatamente per Marina Corta e Marina Lunga. Mi auguro di essere stato chiaro sulla complessa questione ed attendo una Sua eventuale gradita risposta. Giuseppe La Greca Componente direttivo PD Lipari

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 11/11/2010

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Villa sul mare Capistello Lipari
Vendesi casa Corso Lipari Vendesi casa Corso Lipari
250.000
Appartamento secondo piano Lipari Appartamento secondo piano Lipari
210.000
Casa Monte Rosa Lipari Casa Monte Rosa Lipari
250.000
Vendesi villa Annunziata Lipari Vendesi villa Annunziata Lipari
600.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Totani ripieni

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult