Mega porto, per Bongiorno si deve fare (1)

Mega porto, per Bongiorno si deve fare (1) Riceviamo dall'operatore turistico Edoardo Bongiorno e pubblichiamo: Sono da sempre convinto che lo sviluppo economico delle Eolie non può non prescindere dalla realizzazione di infrastrutture adeguate alle nuove esigenze della ns/ terra e in sintonia e conformi alla nuova tecnologia oltre che ossequiosi delle disposizioni di Legge in materia. Grazie all’esperienza acquisita nello svolgimento della mia attività di operatore turistico, mi sono sempre più convinto che il porto, l’aviopista, efficienti servizi di urbanizzazione primaria, sono la condizione indispensabile per un salto di qualità del turismo delle ns/ isole. Lipari è l’isola madre e, come tale, deve pensare non solo a se stessa ma deve, anche a costo di “sacrificare” parte del suo territorio, creare le condizioni affinchè essa stessa e le consorelle minori abbiano a trarre duraturo beneficio. Ho visionato attentamente il progetto della rifunzionalizzazione della rada di Lipari e non ho remora alcuna nell’affermare che esso racchiude in sé quanto di meglio possa esserci in termini di funzionalità, avanguardia tecnologica, adeguato completamento delle opere di messa in sicurezza realizzate a Marina Corta e realizzande a Sottomonastero. Nello specifico, ritengo che si tratti di un progetto che, nella sua complessità ed interezza, affronti e risolva gli annosi problemi degli Eoliani. Un porto commerciale efficiente, protetto da tutti i venti, che sia in grado di ospitare in sicurezza navi di linea, aliscafi e piccole navi da crociera, darebbe in primis a noi residenti nonché ai vacanzieri, la certezza di arrivare e di partire secondo il programma di viaggio precedentemente stilato e di affrontare con tranquillità le emergenze, anche di carattere sanitario, che si dovessero presentare. Da considerare inoltre l’indubbio beneficio economico derivante dai flussi crocieristici per le attività commerciali del centro di Lipari e oltre. Un adeguato e attrezzato porto turistico che da Marina Lunga costituisce un tuttuno fino a Pignataro, con la previsione di una adeguato tracciato pedonale, di parcheggi, di moderne strutture che, a mio avviso, nulla toglierebbero alle attività esistenti ma anzi costituirebbero un plusvalore della struttura portuale non può che essere accettato di buon grado pur considerando la perdita di quella che, badate bene, è stata e non tornerà più a essere spiaggia a fruizione dei bagnanti. Per quanto riguarda il sito di Marina Corta, la realizzazione del progetto risolverebbe intanto la problematica relativa al porto peschereccio e nello stesso tempo, grazie alla realizzazione del porto turistico, farebbe della bellissima e invidiata piazzetta ,veramente , finalmente e definitivamente, il “salotto di Lipari” con indubbio vantaggio economico per tutte le attività ivi esistenti. Ho letto alcune proteste di proprietari di barche e di altri vacanzieri che vedrebbero snaturato il paesaggio al loro arrivo a Lipari. Certamente ! Questi arrivano ad Agosto, quando il mare è piatto e non hanno problemi di ormeggio. Personalmente, puntando loro una pistola alla tempia, li costringerei a mettersi alla cappa davanti ad uno scirocco e levante con i baffi !!! Con conseguente propensione a vomito che li indurrebbe a buttarsi in mare ! Mi ricordano i villeggianti di Panarea che erano contrari alla elettrificazione dell’isola. Certamente! Ad Agosto,tra l’1 e il 15, due settimane con tempo bellissimo, in un terrazzo recintato da bouganville e gelsomino, alla luce delle candele o dei lumi,con il partner dei tuoi sogni migliori, è una cosa meravigliosa, idilliaca, piena di atmosfera. Ma, sempre con una pistola alla tempia, li avrei costretti, per 15 giorni in inverno, a dormire sotto 7 coperte (rigorosamente di fianco perché il peso di queste impediva di respirare; inoltre non ce l’avrebbero fatta a riscaldarsi sempre col solo calore umano!!! ) mentre fuori infuria una tramontanata (sempre coi baffi !!!).Esperienza personale quando ero supplente di matematica a Stromboli nel Dicembre o Gennaio del’70 o ’71, soprattutto e purtroppo non in compagnia. Come si può pensare di realizzare una protezione al porto (massicciata, muraglione, diga foranea) senza pregiudicare minimamente la vista dell’orizzonte ? Nessun porto sarebbe mai stato costruito !!! Del resto, la protezione del nostro porto pregiudicherebbe solo la veduta, per chi viene dal mare, ad un’altezza di 3 mt. Cosa impedirebbe di vedere ? Gli scogli e dei tratti di spiaggia ? La chiesetta del Purgatorio, il Castello, tutte le case di Marina Lunga, ne rimarrebbero al di sopra. Se mi si risponde che dalla battigia (e solo da qui) non si vedrà più il mare, allora è meglio chiudere la conversazione, e noi tutti, da” disertori della vanga” quali eravamo, torniamo alla terra a coltivare ravanelli !!! Forse sarebbe la cosa migliore ! A mio avviso sono state dette parecchie inesattezze (soprattutto nei vari bar dove si decidono i destini del mondo!!!) dovute a cattiva informazione (in buona e cattiva fede): -al centro di Marina Lunga nasceranno hotel, attività commerciali, bar, appartamenti. Dal progettista mi è stato assicurato che non è così. Sorgeranno solo costruzioni destinate ad ospitare enti, organismi e associazioni che hanno diretto collegamento con la fruizione del mare (capitaneria di porto, torretta di controllo, yatch club, ecc.). -a Balestrieri (per intenderci sotto casa Prof. Lisuzzo)nascerebbe un grosso centro commerciale quasi a volere paventare la possibilità che un unico gestore possa avvantaggiarsi dell’operazione. Non mi pare sia così. Sorgeranno invece piscina, beauty farm, negozietti per la vendita di oggetti destinati al turismo da diporto, certamente un punto di ristoro e comunque attività attinenti alla fruizione del mare (nessun albergo a 5 stelle). In ogni caso, la gestione delle predette attività resterebbe sempre a disposizione di chi, soprattutto locale, intenderebbe proporsi; fermo restando che il diritto di proprietà sugli immobili sarebbe in testa all’Ente pubblico escludendo, quindi, la possibilità di alienazione da parte del concessionario. (non mi si dica che tutto ciò potrebbe compromettere le attività commerciali esistenti al centro dell’isola !!!). segue

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 1/19/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Rustico Quattropani isola di Lipari
Casa eoliana San Leonardo Lipari Casa eoliana San Leonardo Lipari
450.000
Villa indipendente Pianoconte Villa indipendente Pianoconte
350.000
Casa indipendente Montegallina Lipari Casa indipendente Montegallina Lipari
300.000
Affaccio sul mare Lipari Affaccio sul mare Lipari
380.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Spaghetti alle vongole

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult