Rifiuti da sfalci e potature, cara vecchia "fossa"

Riceviamo da Aimèe Carmoz e pubblichiamo: Gentili amici, è con grande interesse che ho letto su Lipari.biz la notizia del definitivo divieto di bruciare residui di puliture di terreni e potature. E' una notizia che chi come me si interessa alla protezione della natura, aspettava da anni. La pratica antica del bruciare, anche se carica di poesia e nostalgia quando arriva l'autunno, è anche all'origine di drammatici incendi (a Stromboli i più violenti incendi dei quali ho ricordo, sono sempre stati dovuti all'uomo, e non al vulcano), e d'altra parte l'apporto nutritivo che dà la cenere al terreno coltivato è pressoché nullo, contrariamente a ciò che si suol credere. Però, adesso si pone con più acutezza ancora, il problema dello smaltimento dei rifiuti organici nelle nostre isole. Ieri sera, dietro casa mia, dove c'è una piccola "isola ecologica" con un gruppo di quattro bidoni, faceva bella mostra una batteria di cinque enormii sacchi neri ricolmi di foglie secche, rami e erbacce varie, depositati da un cittadino rispettoso delle leggi che aveva appena pulito un suo territorio. Questi sacchi domani verrano caricati sull'ape dei netturbini, per essere in un secondo tempo, portati a bordo della nave speciale che li trasporterà alla destinazione finale di quasi tutti i nostri rifiuti, la discarica di Mazzarà Sant'Andrea vicino a Messina, dopo una lunga e costosissima crociera, che incide pesantemente sulle nostre tasse. Portare a suon di dollari le nostre foglie morte a Messina, non vi sembra una cosa assurda ??? La legge dice che il rifiuto organico non va bruciato. Ma non dice che non va trattato, anzi lo impone... In zone come le nostre, dove prevalgono boschi, prati e colture, il "rifiuto organico" trattato, che prende il nome di compost, è una grande richezza. Tratterà di quest'argomento il seminario che la Rete Rifiuti Zero Siciliana organizzerà, nei primi di ottobre, presso la sede dell'Orto Botanico di Palermo. Al quale incito fortemente i nostri amministratori a partecipare. Nel frattempo, il nostro ATO, per ora non precisamente operante per via delle modifiche apportare dalla Regione Sicilia all'ordinamento delle ATO Siciliane, trova nelle nuove disposizioni sullo smaltimento dei rifiuti organici, una grande giustificazione allo sforzo iniziato due anni fà in favore del compostaggio domestico, con l'attribuzione alla cittadinanza di numerose compostiere sul tutto il territorio isolano. E' un meritevole primo passo nella giusta direzione indicata oggi dalla legge. Bisogna ripartire da questo, per una riflessione costruttiva che porti alla giusta risoluzione di un problema, che problema poi non è, se con un po' d'impegno nostro la gentile terra è pronta a risolverlo per noi come lo fa, materna, nei suoi boschi e con le sue truppe di animali detti "selvatici". Aimée Carmoz - Stromboli.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 6/20/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa eoliana San Leonardo Lipari
Immobile vista mare Canneto Immobile vista mare Canneto
530.000
Rustico Vitusa Quattropani Lipari Rustico Vitusa Quattropani Lipari
95.000
Casa indipendente Montegallina Lipari Casa indipendente Montegallina Lipari
300.000
Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
250.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Pàccheri al Ragù di Triglia by Marco Miuccio

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult