Napolitano primo cliente "illustre" di CdI

Napolitano primo cliente "illustre" di CdI Peppuccio Subba Dopo “Tirrenia” passata alla “Compagnia Italiana di Navigazione” e prima ancora “Toremar” al gruppo “Moby line”, ora anche l’ultimo tassello, dell’infinita e travagliata procedura di privatizzazione, è andato a posto. Infatti, da oggi, la Siremar, che effettuava i collegamenti marittimi con le 14 piccole isole siciliane, è passata dalla mano pubblica a quella privata. Il nuovo gestore è la “Compagnia delle Isole S.p.A.” che il 20 ottobre 2011 aveva sottoscritto, con il commissario straordinario di Siremar, Giancarlo D’Andrea, il contratto per la cessione del compendio aziendale, contro un corrispettivo di 69 milioni di euro. L’aggiudicazione e la stipula del contratto fu impugnata, dinanzi al Tar del Lazio, da Vittorio Morace, presidente della “Società di Navigazione Siciliana”, che aveva presentato una manifestazione d’interesse per rilevare Siremar, con un’offerta di 55 milioni di euro. Il Tar il 7 giugno scorso ha annullato la gara perché ha individuato irregolarità nella procedura. La sentenza del Tar è stata ribaltata, recentemente, dal Consiglio di Stato che ha messo così la parola “fine” al contenzioso amministrativo, riconoscendo la validità della gara che aveva assegnato la società di stato alla “Compagnia delle Isole”. Il 30 luglio scorso, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stata sottoscritta la convenzione dal commissario straordinario della Siremar, Giancarlo D’Andrea, dal direttore generale del trasporto marittimo e per vie d’acqua interne, dott. Enrico Pujia, dal presidente della Compagnia delle Isole, Salvatore Lauro. La convenzione, a norma della Legge n. 166/2009, consente al nuovo gestore di acquisire per 12 anni le risorse che lo Stato assicura per i servizi dovuti. Per l’intero periodo contrattuale la Compagnia delle Isole riceverà un contributo annuo di euro 55.694.895. La firma della convenzione fa decadere le convenzioni in essere per Caremar, Laziomar e Saremar (passate alle regioni Campania, Lazio e Sardegna) che non potranno più godere di fondi statali perché rimaste in mano pubblica. In virtù della convenzione la “Compagnia delle Isole”, che dispone di 19 mezzi navali (traghetti e aliscafi), dovrà effettuare tutti i servizi svolti dalla Siremar e dovrà rispettare i rapporti di lavoro con i 500 dipendenti, come convenuto nel “verbale di consultazione e di accordo” sottoscritto il 19 dicembre 2011 dal commissario straordinario di Siremar, Giancarlo D’Andrea, dal presidente della “Compagnia delle Isole”, Salvatore Lauro, dalla Fedarlinea e dai rappresentanti sindacali FILT CGIL, FIT CISL, UIL trasporti. In particolare per i dipendenti, tra gli altri diritti, dovranno essere osservati: il rispetto delle professionalità acquisite e dei relativi livelli retributivi individuali, reclutamento al bisogno del personale proveniente dal turno generale, mantenimento dell’importo da ciascuno maturato per scatti di anzianità alla data di cessazione del rapporto con Siremar. La struttura societaria della “Compagnia delle Isole S.p.A.”, come risulta dai dati pubblici a disposizione, è la seguente: sede legale Palermo, capitale sociale sottoscritto euro 10.900,00 così suddiviso: euro 600.000,00 Lauro.it S.p.A.; 600.000,00 Isolemar S.r.l; 7.200.000,00 Mediterranea Holding di Navigazione S.p.A.; 2.400.000,00 Davimar Eolia Navigazione S.r.l.; 25.000,00 Sicilia Occidentale Marittima S.r.l. con unico socio; 75.000,00 Navigazione Generale Italiana S.p.A. Il consiglio di amministrazione è così composto: presidente Salvatore Lauro, consigliere delegato Alessandro Seminara, consiglieri Leonida Perrella, Antonio Bernardi, Maria Cristina Elmi. La cordata annovera imprenditori locali di provata esperienza nel settore per cui si ritiene che imprimeranno un sensibile impulso ai collegamenti marittimi che, da alcuni anni, segnano il passo per le difficoltà economico – finanziarie della Siremar che, invero, per 30 anni, dall’1 gennaio 1976 (data in cui ha assunto la gestione), ha contribuito, in modo determinante, a promuovere lo sviluppo socio – economico delle 14 piccole isole siciliane. L’avvento della gestione privata è stato salutato con grande entusiasmo dagli eoliani, perché sono certi che i servizi marittimi faranno un salto di qualità con l’eliminazione di tutte le disfunzioni registrate in questi ultimi anni (interruzioni di corse dei mezzi navali, itinerari-orari diffusi con ritardo, agenzie che non sono in grado di fornire informazioni ecc.). Si augurano anche che l’organo amministrativo della “Compagnia delle Isole” valuti, con ponderatezza, e soddisfi l’antico desiderio degli isolani di trasferire buona parte delle linee aliscafi e traghetti da Milazzo a Messina. L’avvio della gestione è coinciso con un evento beneaugurante: i primi clienti illustri del nuovo brand “Compagnia delle Isole” sono stati il presidente della repubblica, Giorgio Napolitano, e la moglie, signora Clio, che si sono imbarcati martedì sera a Napoli sul traghetto Laurana dell’ex Siremar e sono sbarcati a Stromboli ieri mattina alle 6,00.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 8/1/2012

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
Vendesi villa Cappero Lipari Vendesi villa Cappero Lipari
750.000
Rudere panoramico Lipari Rudere panoramico Lipari
230.000
Casa indipendente Portinente Lipari Casa indipendente Portinente Lipari
590.000
Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari
220.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

La Stroncatùra by Pasquale Cùfari

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult