Trasporti, gare deserte

Trasporti, gare deserte Lipari- Gare deserte. Il giudizio della commissione dopo l'apertura delle buste, due per la precisione, entrambe presentate dalla Ustica Lines per i comparti Egadi ed Eolie e dopo circa tre ore, dalle 18 alle 21 tra verifiche e valutazioni è stato inesorabile. Dal primo luglio, a meno di auspicabili disposizioni d'emergenza estive per contenere l'ormai certa debacle turistica, entrambi gli arcipelaghi dovranno fare a meno anche delle tre insufficienti linee che continueranno a essere effettuate in regime di proroga per altri quattro giorni. La Ustica Lines ha praticamente presentato due "offerte - proposte": si è offerta di coprire le tre linee sia alle Egadi che alle Eolie proponendo alla Regione di mettere sul piatto, complessivamente altri due milioni di euro. Quasi un milione e duecentomila euro in più la richiesta per le Eolie rispetto ai 2 milioni 180 mila euro fissati dalla Regione per i quattro mesi di servizio. Offerte al rialzo, chiaramente inaccettabili ma dettate e motivate da prospetti analitici di costi e ricavi provenienti dai biglietti che oggi, ad esempio, ai residenti che devono raggiungere Milazzo costano 5,50 euro. Il tutto senza prevedere il caro carburante. Sindaci già in rivolta: Si dichiarano pronti a capeggiare forme di protesta clamorose e continuano a chiedere aiuto ai parlamentari messinesi, forse già in vacanza. Ma il presidente della Provincia Nanni Ricevuto è intervenuto con tempestività e in serata ha sentito telefonicamente l'assessore Bufardeci, appena appresa la notizia della seconda gara andata deserta. Ricevuto ha sollecitato comunque una soluzione e in tal senso ha chiesto un intervento del prefetto presso il governo nazionale perchè si valuti l'emergenza della situazione che potrebbe anche portare il presidente della Regione a procedere all'affidamento del servizio con le procedure della trattativa privata almeno per l'immediato, quindi per un periodo che copra intanto l'estate. Altra spiacevole notizia da Panarea: da oggi e sino al 20 luglio attracco dei mezzi navali vietato in testata al molo del porto di San Pietro. Lo ha disposto il comandante di porto Luca Politi in vista dell'arrivo ( previsto per le prossime ore) dal bacino sardo di Oristano del cassone nell'ambito delle opere di allargamento e allungamento del lato nord della stessa testata e quindi di messa in sicurezza della struttura. Procedura che prevede anche opere di difesa dello stesso molo. I lavori, diretti dall'ing. Fabio Arena sono stati appaltati per un milione e 600 mila euro alla ditta Codra Mediterranea di Potenza che li ha avviati a novembre. L'interdizione della testata del molo non consentirà l'attracco delle navi Siremar che di conseguenza saranno costrette a saltare lo scalo dirigendo la prua su Stromboli e al ritorno su Salina. Di conseguenza non mancheranno i disagi. Non dovrebbero avere problemi invece i traghetti Ngi e quelli della spazzatura mentre saranno regolari gli attracchi degli aliscafi. Gli operatori turistici sperano che nel corso dei lavori non vi siano intoppi e che il tutto, a stagione in corso, proceda speditamente. Lo stesso direttore dei lavori Fabio Arena ha garantito che " si farà il possibile per terminare i lavori prima " quanto meno in funzione della completa riapertura del porto.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 6/27/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Rustico panoramico Lipari
Casa eoliana Cappero Casa eoliana Cappero
595.000
Casa padronale Lipari Pianoconte Casa padronale Lipari Pianoconte
400.000
Immobile vista mare Canneto Immobile vista mare Canneto
530.000
Casa indipendente con giardino via Barone Lipari Casa indipendente con giardino via Barone Lipari
310.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Spaghetti alla strombolana

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult