Acqua e trasporti marittimi pubblici, è allarme

Acqua e trasporti marittimi pubblici, è allarme Lipari- Gli stessi problemi, un anno dopo, come se il tempo fosse passato invano. Acqua, già dai primi giorni d'estate, con il contagocce e navi carretta nei collegamenti da e per Napoli. E' iniziata così la bella stagione, anche quest'anno, nell'arcipelago patrimonio dell'Umanità. Paradossale come da un lato si continua ad invocare, Unesco in testa, la riqualificazione del turismo mentre dall'altro mancano le condizioni essenziali affichè possa, quantomeno, esserne avviato il processo. Palesi contraddizioni che, unitamente, alla mancanza di programmazione e infrastrutture, spingono ,ogni anno che passa, queste isole fuori dal mercato dei flussi turistici che contano. Per quanto riguarda l'acqua è già allarme rosso sui quantitativi idrici garantiti dallo stato con le navi cisterna. " Il Ministero della Difesa, per quest'anno- ha dichiarato Giuseppe Giunta dirigente responsabile dell'ufficio regionale isole minori- ha fornito un milione e 200 mila metri cubi di acqua, a fronte di un fabbisogno, per tutte le isole minori della Sicilia, di due milioni di metri cubi d'acqua. All'appello mancano 800 mila metri cubi d'acqua da garantire mediante il reperimento di 10 milioni di euro. Se non interverranno novità, la stagione turistica sarà compromessa perchè le isole minori saranno praticamente costrette a chiudere bottega nei primi giorni di Agosto". Cioè proprio quando in queste isole si inizia di fatto a lavorare e a produrre reddito. Sulla questione è intervenuto ancora una volta il presidente della Regione Totò Cuffaro per " avvisare" il governo Prodi. " Si assumerà - ha dichiarato il Presidente- tutta la responsabilità degli eventuali danni provocati alle popolazioni di questi luoghi. Abbiamo chiesto al governo nazionale di risolvere il problema all'inizio dell'anno e gli imprenditori già lamentano di non aver potuto programmare correttamente la stagione estiva a causa di questa condizione di incertezza". Di male in peggio, passando alla capitolo trasporti marittimi. Lo stato com'è noto ha smesso di rimpinguare le casse della Tirrenia. Ma è incredibile come non si sappia ancora nulla sul potenziamento dei collegamenti nella tratta Napoli - Eolie per i mesi di Luglio e Agosto. Anzi da più parti non si esclude che le corse del vettore pubblico possano restare le attuali due a settimana svolte con le inadeguate navi tipo " Laurana" che provocano devastanti danni d'immagine come si è visto qualche giorno fà proprio nel porto del capoluogo partenopeo. I costosi ( non potrebbe essere altrimenti vista la mancata promozione) collegamenti con i traghetti veloci? E' proprio il caso di dire che mai come quest'anno sono stati così lontani. Sono vicini, invece, quelli con gli elicotteri " Super Puma" da venti posti, da e per gli aeroporti di Palermo, Reggio Calabria e Catania. Se ne occuperà la società Elifox di Milano, la stessa azienda che voleva realizzare l'elipista a Lipari, nel campo di calcio di Quattropani. Dopo i problemi sorti è stato, però, deciso di concerto con l'amministrazione comunale e con il commissario di protezione civile Mariano Bruno di trasferire la base eoliana di questi collegamenti a Vulcano e più precisamente nell'elisuperficie di Vulcanello.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 6/23/2007

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Rudere Tivoli Quattropani Lipari
Ruderi e terreni sul mare Lipari Ruderi e terreni sul mare Lipari
200.000
Casa Monte Rosa Lipari Casa Monte Rosa Lipari
250.000
Appartamento secondo piano Lipari Appartamento secondo piano Lipari
210.000
Villetta Tipica S. Margherita Lipari Villetta Tipica S. Margherita Lipari
155.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Caponata di melanzane

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult