Analisi del voto e la Consulta della speranza

Analisi del voto e la Consulta della speranza Riceviamo dall'ing. Felice Lopes e pubblichiamo: Le prossime elezioni regionali, l’analisi del voto . Caro Direttore, oggi sull’aliscafo Milazzo - Lipari ho viaggiato insieme ad un caro amico , e , come spesso capita in questo periodo di elezioni , ci siamo messi a parlare di votazioni. Ci siamo soffermati sulle candidature motivandone le scelte . La mia posizione è ben nota e predilige il candidato eoliano , mentre il mio amico è legato ad un candidato esterno suo amico da lunga data ed è a questo che intende dare il suo voto . Alla fine del tragitto ognuno di noi è rimasto sulla sua posizione . Non intendo disconoscere il valore dell’amicizia e tantomeno la sua importanza . Si dice ,infatti, che “chi ha un amico ha un tesoro” , e ciò è pura verità . Ma mi chiedo : quando si tratta di preferenze in campagna elettorale è una mancanza di rispetto anteporre il bene del proprio paese al voto negato all’amico ? E’ pur vero che le candidature incrociano più territori ed è altrettanto vero che i candidati assumono un corale impegno di tutelare gli interessi legittimi dei luoghi e delle persone che rappresentano. Purtroppo l’esperienza che le Eolie hanno vissuto e continuano a vivere contraddice questo impegno , tanto che ogni qualvolta che abbiamo avuto bisogno ,per non vedere spazzati via sacrosanti diritti , siamo stati costretti a ricercare l’unità eoliana tra tanti distinguo (si parla di casacche ). Oggi il dilemma si presenta nella sua interezza , in quanto per la prima volta dopo le passate esperienze D’Alia e Merlino ,tra le candidature proposte alle prossime elezioni regionali , figura più di un candidato eoliano e molti altri esterni . Partendo dal concetto che il mestolo conosce meglio di altri i guai della pentola , verrebbe da pensare che un eoliano è più addentro di altri nelle problematiche delle isole perché ci vive 365 giorni l’anno col buon e cattivo tempo . Questo fatto mi ricorda l’esperienza vissuta durante il mio assessorato ai LL.PP. del Comune , quando a Ginostra i villeggianti ,appoggiati dai verdi e dalla Rete di Leoluca Orlando , fecero fallire : a) La realizzazione del molo a Lazzaro , opera regolarmente finanziata , approvata ed appaltata , perché mancava del VIA -la valutazione d’impatto ambientale , entrato in vigore successivamente alle autorizzazioni di rito che l’opera aveva già , con grave danno per l’erario di centinaia di milioni per pagare i danni chiesti dall’impresa che, nel frattempo, aveva già commissionato a R.C. il cassone di testa alla banchina ; b) Il ripristino della stradina mulattiera esistente , importo 800 milioni, che doveva collegare in sicurezza l’abitato al molo ; c) La riparazione della chiesa di Ginostra , importo 200 milioni , che l’impresa che si era aggiudicato l’appalto del molo si era impegnata a realizzare ; ed ,inoltre, hanno esasperato la battaglia sull’illuminazione della frazione ritardandone notevolmente l’attuazione , e , mentre i signori vacanzieri mitigavano le loro difficoltà con l’uso di gruppi elettrogeni , gli indigeni erano costretti all’uso delle bombole a gas per la luce e per il funzionamento dei frigoriferi , esponendosi a enormi rischi per la detenzione di più bombole in casa ... Come si vede , è più che giustificato il dubbio sul candidato esterno. D’altra parte , perché non ci deve essere consentito di nutrire un sogno , quello di rivedere ,dopo tanti anni , sventolare ,ancora una volta, la bandiera delle Eolie , come , mirabilmente, ha evocato l’amico Francesco Rizzo , come sfida prima e come goliardia dopo aver vinto le elezioni . Le paure Tornato a casa , ho dato uno sguardo , come faccio sempre più spesso, ai giornali on line ed ho trovato alcuni articoli veramente interessanti . Tra questi uno è a firma Caterina Conti , uno a firma Luca Chiofalo ed uno parla della Consulta Comunale. Ho apprezzato enormemente l’articolo della Sig.ra Conti , per l’acutezza dei contenuti e la loro indiscussa veridicità e spero sinceramente che chi di dovere si appresti prontamente a trovare le soluzioni più adeguate ed in tempi ristretti , prima che l’industria alberghiere eoliana collassi definitivamente . L’articolo di Luca Chiofalo è condivisibile con l’eccezione dell’ultimo periodo della lettera che riporto per motivi di chiarezza :” Dunque, perché la Sicilia non sia per sempre , come diceva Consolo, * terra di gattopardi ed eroi prigionieri * non rimane che augurarsi , coi rischi del caso, che la crisi “morda” a tal punto da rendere davvero insopportabile l’ingiustizia e l’inciviltà che regnano nella nostra amata terra….”. Caro Luca , consentimi la confidenza, il tuo grido di dolore e di allarme mi mette angoscia e , nel contempo ,paura, perché mi induce a pensare ( mi auguro di sbagliare ) che tu alluda ad una rivoluzione popolare non so se del tipo alla francese o bolscevica , con la quale debellare l’insopportabile ingiustizia e l’inciviltà che regnano nella nostra amata terra….”. Comprendo e giustifico l’amarezza che ti ha indotto a tale lapidaria affermazione , ma la mia età e tanti anni di studio e di insegnamento mi inducono a essere più sereno e riflessivo perché penso che il tuo scoramento si possa combattere con le armi della democrazia partecipativa . Prendi ad esempio il movimento 5 stelle di Beppe Grillo , movimento apparentemente democratico , ma del tutto assolutamente monocratico alla Berlusconi . A mio modesto giudizio finirà per costituire un’ammucchiata informe di meravigliosi giovani animati da purezza d’animo e d’intenti che si dissolverà , come accade sovente nelle liste civiche passate le elezioni ,nel caos se non verrà intruppato nella politica organizzata , cioè in un partito . Io lamento ,invece, la colpevole scomparsa delle sedi di partito , dove ogni giovane avrebbe potuto e dovuto misurarsi con altri coetanei e non in dialoghi costruttivi capaci di consentirgli la scelta di un percorso politico a lui più congeniale ,stabilizzando così la sua scelta e , se del caso , valorizzandolo nella scalata al servizio del bene pubblico . Questo oggi è impedito perché si teme il confronto . Da questo nasce la disaffezione per la politica e, conseguentemente, la mancanza di idee su chi esprimere una preferenza in campagna elettorale . Questo fa comodo al sistema che tu hai definito “ marcio e corrotto “ ma che non scoppia finché ci sono le clientele che lo rendono inossidabile e lo fanno perpetuare sine die . Le speranze Mi ha fatto , invece ,immensamente piace leggere la nascita della Consulta Comunale ( avrei preferito si chiamasse Consulta Giovanile ) a cui sembra hanno già aderito oltre 100 giovani . Potrebbe essere , se di sani principi , uno strumento interessante di partecipazione volto a soddisfare le esigenze dei giovani , incentivandoli a partecipare alla vita pubblica . Spero che l’Amministrazione Giorgianni garantisca loro una sede idonea nell’ambito comunale e garantisca l’abbonamento a più settimanali di area diversa per forgiare il loro senso critico . Cordialmente Lipari, li 25/10/12 Felice Lopes

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 10/25/2012

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Rustico Vitusa Quattropani Lipari
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Casa centro Lipari con giardino Casa centro Lipari con giardino
570.000
Palazzina centro Lipari Palazzina centro Lipari
220.000
Casa indipendente Portinente Lipari Casa indipendente Portinente Lipari
590.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Giggi al vino cotto

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult