Lacrime da...Ponente

Lacrime da...Ponente Avviso ai naviganti di Marco Miuccio Ponente... ancora un giorno... e poi un pò di primavera, senza vento per l'intera settimana!!! Ogni volta è la stessa sensazione... un'insopportabile stato d'impotenza!!! Chiedo venia anticipatamente a qualsivoglia permaloso, ma oggi è semplicemente una triste giornata!!! Cercando di non cadere nel baratro in cui è rovinosamente precipitato quel gruppo di "eletti", che hanno "arbitrariamente" etichettato una morte, dovuta più alla fragilità dell'animo che all'essere figlia di una crisi ben presente, ma che nessuno sembra voglia affrontare partendo dal basso... la crisi delle grandi strutture, che stridono con la realtà imprenditoriale eoliana, è figlia di una corsa affrettata allo sviluppo... ma di cosa?!? L'evoluzione delle strutture è direttamente proporzionale all'involuzione dei servizi. Non si può prendere la "Zà Peppìna", storica putiàra del panino con la soresina ed il cotto, e metterle in mano la gestione di un grande centro commerciale o anche di un piccolo supermercato... anche se è bravissima a fare le addizioni sul sacchetto di cartone della frutta, con la bic blu che sfila dall'orecchio sporco d'inchiostro, non potrà mai sapere come gestire un'azienda, cosa siano le strategie di Marketing, e tutto ciò che serve allo sviluppo di una realtà commerciale di livello. Prima di correre dovremmo imparare a camminare... e soprattutto vedere se è proprio necessario inizare a correre, visto che camminando restiamo più freschi ed arriviamo ugualmente dove dobbiamo arrivare. Gli imprenditori turistici storici dell'arcipelago pagano l'inflazione della proposta di ricettività, con la conseguente imposizione da parte del mercato, sempre più bombardato da offerte vantaggiose derivanti dai numeri e dalla massa, di un fisiologico abbattimento dei prezzi, di una diminuzione dell'offerta al cliente per azzerare le spese, di una drastica riduzione del personale. E se si volesse tornare alla Lipari di un tempo, quella della bella gente, quella del turismo d'Elite, si deve comprendere che le cattedrali nel deserto non piacciono... Non importa dove sei... L'importante è ottenere tutto ciò che desideri! Ecco... Le Eolie non sono questo... restano un Paradiso naturale dove non trovi nemmeno un angioletto che sa darti una valida indicazione turistica... allora vado all'Inferno, ma col piacere di avere a disposizione tutto ciò che, quando e come voglio. Ogni morte è degna di un ricordo... E ad esclusione dei parenti diretti, nessuno dovrebbe issare una bandiera sull'argomento! Illustri personaggi sono venuti a mancare in questi giorni, con Eco mediatica di livello Nazionale... ma di un uomo non parleranno in troppi! Non voglio dire di aver avuto chissà quali rapporti personali, tanto da essere inconsolabile o altro, ma questa domenica, dove l'ultimo freddo Ponente spazza le nostre isole, ha visto la perdita di un brav'uomo, di un padre adorato, di un lavoratore indefesso! L'Isola di Stromboli... Iddu... piange la perdita di Stefano, nel modo più impensabile per un quarantenne, con quel sapore di ingiustizia Divina che ti spinge ad imprecare, ma che ti obbliga ad alzare gli occhi e le braccia al cielo, con la voglia di urlare "Sia fatta la tua Volontà", ma inspiegabilmente, in mezzo alle lacrime da conoscente, ti esce dalla bocca solo un incazzatissimo "Perchè"?!? Stefano Scibilia è stato, e resterà per sempre, un protagonista della crisi Vulcanica dello Stromboli, un uomo di punta della Protezione Civile Nazionale, il riferimento eoliano, insieme al cugino Zaia, di un'organizzazione che, senza i suoi "Uomini sull'Isola", non avrebbe avuto mai l'efficenza dimostrata in questi anni. Oggi ho mollato gli ormeggi con la Motovedetta, e mi è venuta voglia di chiamare sul canale radio dove mi rispondevi ed ho iniziato a lacrimare sapendo che non avrei sentito il graffio della tua voce pronunciare il mio nome e dirmi il solito "Sempre tu sei... ti aspetto"!!! Beh Stefano... Aspettami... e se trovi qualcosa che non va lassù... Organizzali come sai fare tu!!!

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 07/04/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi primo piano Portinente Lipari
Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari
600.000
Casa Quattrocchi Pianoconte Lipari Casa Quattrocchi Pianoconte Lipari
320.000
Vendesi fabbricato San Calogero Lipari Vendesi fabbricato San Calogero Lipari
155.000
Villa sul mare Capistello Lipari Villa sul mare Capistello Lipari
630.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Sfìnci di Zucca by Ivana Merlino in Taranto

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz