"Ghost mission": Codacons parte civile

"Ghost mission": Codacons parte civile COMUNICATO STAMPA 13/7/2013 Inchiesta “Ghost mission”: interviene il CODACONS Preannunziata la costituzione di parte civile nell’inchiesta sui rimborsi pagati dal Comune di Lipari per missioni di amministratori e funzionari Il CODACONS interviene nella vicenda giudiziaria che ha visto ieri il rinvio a giudizio per 17 indagati coinvolti nell'inchiesta “Ghost mission” (Missioni fantasma) relativa ai rimborsi corrisposti pagati dal Comune di Lipari per missioni istituzionali svolte da vari, su richiesta della Procura della Repubblica del Tribunale di Barcellona P.G. Giorgio Nicola. Se le ipotesi della pubblica accusa si rivelassero provate saremmo innanzi all’ennesima vicenda che si risolve ai danni delle tasche dei contribuenti ed a solo vantaggio della “casta”. In merito a questa vicenda – dichiara l’avv. Antonio Cardile (Presidente provinciale del CODACONS) – ci riserviamo di interessare anche la Corte dei Conti ove dovesse risultare provato quello che per la Procura si profila come un caso di sperpero di denaro pubblico. Chiederemo i danni per gli eventuali illeciti commessi a danno del Comune e dei cittadini – spiega il CODACONS – e in tal senso stiamo predisponendo anche le costituzione di parte civili per conto di alcuni residenti che si sono rivolti alla nostra associazione allo scopo di far valere i propri diritti di cittadini ed organizzeremo un incontro pubblico per illustrare l’iniziativa e raccogliere le adesioni degli interessati. E’ noto che i comportamenti illegali da parte di amministratori e dirigenti comunali arrecano un evidente danno economico ai residenti, i quali sono chiamati al pagamento delle tasse e al sostentamento del Comune, che deve poi rispondere direttamente ai cittadini governati del proprio operato. Per questo interverremo – prosegue l’avv. Cardile – nel procedimento ed invitiamo tutti gli abitanti di Lipari a rivolgersi alla nostra associazione per costituirsi parte civile e chiedere i danni ai responsabili dello scandalo, ove ne sia accertata la colpevolezza nel procedimento penale in corso. Chiederemo alla magistratura di andare a fondo e di rendere pubbliche tutte le spese ingiustificate del Comune, così come abbiamo fatto recentemente per le spese dell'Assemblea Regionale Siciliana – aggiunge Francesco Tanasi (Segretario nazionale del CODACONS): i cittadini di Lipari e di tutta la Sicilia hanno non solo il diritto di sapere come vengono spesi i propri soldi, ma anche quello di rivalersi sui responsabili di sprechi e usi impropri di denaro pubblico. Anche a seguito delle segnalazioni ricevute e di quanto apparso sugli organi di stampa locali, ci appare doveroso – conclude l’avv. Antonio Cardile - intervenire nella vicenda per offrire il nostro contributo per far luce sulla vicenda. Nel caso in cui fossero accertati illeciti a danno della collettività, siamo pronti a intentare la prima class action politica, allo scopo di far ottenere ai cittadini di Lipari la restituzione di soldi utilizzati per fini personali e non nell'esercizio delle funzioni istituzionali.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 13/07/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi villa indipendente Acquacalda Lipari
Villa unica Pianoconte Lipari Villa unica Pianoconte Lipari
1.080.000
Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
400.000
Immobile vista mare Immobile vista mare
530.000
Villa sul mare Capistello Lipari Villa sul mare Capistello Lipari
630.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Pasticciotti alla Compòsta di more by Isabella Libro

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz