La cresta sui bolli auto le costa 20 mila euro

Faceva la cresta sulle tasse automobilistiche, rilasciando regolarmente la ricevuta ai clienti, ma annullando l'operazione e mettendo i soldi nei suoi conti correnti personali. Ora la Sezione giurisdizionale della Corte di conti (sentenza 2700/2013) l'ha riconosciuta responsabile del danno erariale intimandole di versare alla Regione siciliana 20 mila euro, pari alla somma maggiorata di penale, rivalutazione monetaria e interessi legali. Protagonista della vicenda è una donna di 76 anni della provincia di Messina, Maria Isgrò, originaria di Furnari ma residente a Barcellona Pozzo di Gotto, all'epoca dei fatti, nel 2004, titolare della ricevitoria numero 605 a Terme Vigliatore. I giudici hanno sottolineato che, essendo state rilasciate regolari quietanze, nulla più si può pretendere dai contribuenti. (ANSA)

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 7/28/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa primo piano Canneto
Fabbricato panoramico Lipari Fabbricato panoramico Lipari
120.000
Rustico Vitusa Quattropani Lipari Rustico Vitusa Quattropani Lipari
95.000
Casa Chiesa Vecchia Quattropani Casa Chiesa Vecchia Quattropani
295.000
Casa Indipendente nella pineta Lipari Casa Indipendente nella pineta Lipari
390.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Torta al Cioccolato con Panna Fresca by Marzia Ricca

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult