Allarme a Filicudi, saccheggio nei fondali (video)

Allarme a Filicudi, saccheggio nei fondali (video) Repubblica Luigi Barrica Lipari- Il museo archeologico di Lipari lancia l’allarme: sub “ tombaroli” saccheggiano le navi romane e greche che costituiscono uno dei giacimenti archeologici più preziosi del Mediterraneo, nel mare di Filicudi. Un colpo-l’ennesimo- alla fama turistica e storica delle Isole Eolie, sulle quali già pende la minaccia dell’Unesco di revocare la qualifica di Patrimonio dell’Umanità. I fondali di Filicudi nascondono decine di imbarcazioni che risalgono al IV-III secolo a.C. colate a picco sulle secche: migliaia di anfore e suppellettili costituiscono un richiamo irresistibile per i ladri di reperti i quali, quasi indisturbati raggiungono i 35/70 metri di profondità e depredano l’area. “ Il fenomeno ormai ha le dimensioni di un disastro incontrollabile- è l’appello del prof. Sebastiano Tusa, responsabile della Soprintendenza del mare di Palermo. “ Bisogna correre ai ripari”. Per raggiungere i fondali i tombaroli del mare utilizzano ogni mezzo: hanno anche fatto ricorso ad un batiscafo in grado di forare il fasciame e poi sollevare le anfore. Ostacolare i saccheggi è difficile, il presidio delle forze dell’ordine insufficiente a pattugliare l’enorme tratto di mare nel quale giacciono i relitti. “ Per questo- dice Nino Terrano, responsabile di uno dei diving center di Filicudi- chiediamo l’istituzione di un’area protetta, quella all’interno della quale si trovano i relitti, vietata a tutti i natanti. Alla Regione qualcosa si sta muovendo ma ostacoli e burocrazia frenano le procedure”. “ E’ stato chiesto- è la replica negli uffici dell’assessorato dei Beni culturali di Palermo- l’intervento del Ministero competente”. Finora nessuna risposta. Ma non aspettano i tombaroli, che rivendono quanto hanno trafugato realizzando ingenti affari: una sola anfora al mercato nero viene venduta tra i 2000 e 2500 euro. “ Un relitto contiene mediamente da 1000 a 1500 anfore. Il calcolo è presto fatto- dice Attilio Roti, studioso di archeologia marina. Il mare delle Eolie dai tombaroli pretende un prezzo alto. Negli ultimi dieci anni durante il saccheggio, sono morti sette subacquei ed almeno un’altra decina hanno subito invalidità permanenti”. “ E’ l’ora di creare strutture di sorveglianza capillari- chiede il prof. Tusa- abbiamo bisogno che le strutture pubbliche ci vengano incontro in ogni modo; servirebbero dei decreti legge”. Filicudi non è la sola emergenza. L’altro casus belli dell’area è il porto turistico che dovrebbe essere realizzato con finanziamenti privati a Lipari, proprio fra i resti di un vecchio porto imperiale dell’età romana. “ Il porto- dice il presidente della sezione di Italia Nostra, Valerio Franceschi- non và realizzato. L’area andrebbe invece salvaguardata. Ormai i predatori anche li si tuffano e recuperano reperti di ogni genere: anfore, piatti, monili e addirittura pezzi di colonnato che sostenevano vecchi templi dedicati alle divinità del mare”. Barricate : " Un patrimonio dell'umanità in giro per il mondo". Di Luigi Barrica

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 9/17/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Apt Residence Canneto Mare
Casa padronale con vigneto Lipari Pianoconte Casa padronale con vigneto Lipari Pianoconte
450.000
Appartamento primo piano Murales Appartamento primo piano Murales
160.000
Rudere Quattropani Lipari Rudere Quattropani Lipari
110.000
Casa tipica e rudere con terreno Casa tipica e rudere con terreno
199.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Involtini di pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult