Metalli pesanti oltre i valori di legge

Metalli pesanti oltre i valori di legge Gazzetta del Sud Emanuela Fiore Pace del Mela Il golfo di Milazzo presenta metalli pesanti in concentrazioni molto più alte dei valori consentiti dalla legge. Il rischio è che, se dal sedime dovessero finire nella catena alimentare, si creerebbe un sicuro danno per l'ambiente e la salute umana. È quanto emerge dai risultati degli studi su ambiente e salute nella Valle del Mela coordinati dall'Istituto superiore della Sanità. In proposito durante i lavori del convegno tenutosi nell'aula consiliare di Palazzo Lo Sciotto a Pace del Mela sono stati resi noti gli studi epidemiologici riguardanti la frazione di Gabbia, l'area abitata ricadente nella zona industriale di Giammoro, compresa nel Sito di interesse nazionale (SIN), e quelli dei lavoratori del cemento-amianto. Nel primo caso è stato effettuato un controllo anagrafico tra la popolazione di Gabbia dal 1984 al 2007 e 400 sono stati i residenti controllati (numero in forte diminuzione per decessi e trasferimenti), come ha ampiamente illustrato Francesca Puglisi dei servizi demografici del Comune. Diversamente da come si pensava la mortalità per tumori non sarebbe maggiore rispetto alla media siciliana (nei limitrofi Milazzo e Merì la media è più alta) ma, considerato che trattasi di area a rischio, la situazione deve essere sempre monitorata in base a quanto attestato anche da Lucia Fazzo (ISS) e da Pierpaolo Mudu (Organizzazione mondiale sanità). Riscontri tragici si sono avuti ancora per l'esposizione all'amianto. «Per chi vive in un ambiente inquinato dall'amianto la ricaduta può essere paragonabile a quella dei lavoratori del cemento-amianto», ha spiegato Pietro Comba (ISS) peraltro moderatore dell'incontro assieme all'assessore all'Igiene e sanità del Comune di Pace del Mela, Carlo De Gaetano, che ha posto l'attenzione sul carattere nocivo del fumo soprattutto correlato a determinate esposizioni e ha proposto all'ISS, che ha accolto prontamente la richiesta, di continuare con i controlli. Non sono mancate poi le raccomandazioni sanitarie per programmi di sorveglianza da parte di Amerigo Zona (ISS) e il contributo dell'Asp e dei sanitari di medicina generale rappresentati da Lino Andaloro. A individuare i soggetti esposti all'amianto nella Valle del Mela è stato invece Salvatore Nania del Comitato permanente ex esposti amianto. «Oltre a noi ex dipendenti della Sacelit di S. Filippo del Mela, ci sono anche i lavoratori esposti della Pirelli di Villafranca Tirrena, per i quali abbiamo fatto richiesta per la sorveglianza epidemiologica, quelli della Centrale Enel di S. Filippo del Mela, della Raffineria di Milazzo, delle Acciaierie del Tirreno, delle Ferrovie dello Stato e di Marittimi» ha dichiarato. Indicazioni per il monitoraggio della qualità dell'aria nella Valle del Mela, che peraltro presenta un'alta percentuale di SO2, sono state date poi da Gaetano Settimo (ISS), mentre Mario Carere (ISS) ha relazionato sugli interventi di bonifica nel sito di Milazzo. L'ampio dibattito successivo è culminato in una dichiarazione del direttore dell'Arpa Messina. Marchese ha, infatti, lanciato l'allarme circa frequenti sforamenti nell'emissione in atmosfera da parte delle industrie e ha fortemente stimolato la parte politica a prendere immediati provvedimenti. In atto nel comprensorio milazzese esistono solo tre centraline mobili dedite al monitoraggio dell'intera zona, oltre le stazioni fisse della Provincia ed in parte delle stesse aziende.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 12/22/2009

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Ruderi e terreni sul mare Lipari
Apt Residence Canneto Mare Apt Residence Canneto Mare
115.000
Vendesi villa Cappero Lipari Vendesi villa Cappero Lipari
750.000
Vendesi villa antica Lipari Vendesi villa antica Lipari
520.000
Appartamento secondo piano Lipari Appartamento secondo piano Lipari
210.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Zucchine e Gamberetti by Marco Miuccio

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult