La manutenzione del territorio per il turismo

La manutenzione del territorio per il turismo Riceviamo da Laura Natoli e pubblichiamo: Scusate l’ “intromissione”, ma la polemica scaturita sul tipo di turismo più indicato per le Eolie si è allargata al punto tale che mi sento chiamata in causa anch’ io, soprattutto dopo aver letto il “delirante” e “deprimente” articolo dell’ amico Daniele che, non me ne voglia, s’ intenderà di calcio, di internet e di qualcos’ altro ma di programmazione e pianificazione, nonché di cultura e di storia eoliana proprio….. Innanzitutto credo che si dovrebbe distinguere tra il punto di vista soggettivo che, in quanto tale, può variare sensibilmente da un soggetto all’ altro appunto ( ognuno è indiscutibilmente libero di preferire un tipo di vacanza ad un altro, a prescindere), e la realtà oggettiva: quella di un territorio e della sua particolare morfologia (un’ isola, vulcanica peraltro, non può certo essere paragonata ad un territorio come quello della riviera romagnola né a nessun altro che non sia di tipo insulare); di una comunità con una storia alle spalle come la nostra, ricca di contaminazioni ma allo stesso tempo con una sua forte identità, etc, etc. Se si “ignorano” questi concetti, qualunque discussione diventa inutile. Ciò premesso, vorrei capire per quale recondito motivo fare bene turismo dovrebbe coincidere solo e soltanto col maggior numero di posti letto, di locali notturni di vario genere, discoteche e chi più ne ha più ne metta. E’ chiaro che nessuno nega la necessità e l’ importanza di luoghi destinati al divertimento, per giovani e meno giovani, ma và da sé che ogni attività deve essere ben regolamentata e giustamente localizzata sul territorio , così come impongono gli strumenti urbanistici di ogni città, anche quelle della riviera romagnola! Mi pare invece che già da diversi anni il “trend” e i dati che evidentemente pochi conoscono ( eppure io li ho appresi semplicemente dai telegiornali) parlano di un continuo incremento di località turistiche legate ad una qualche peculiarità (a volte frutto di vere e proprie operazioni di marketing) tra cui percorsi enogastronomici, sagre, fiere (non come quella del megaparcheggio!), regate, etc. ; esistono cioè territori in cui si prende spunto da una semplice caratteristica locale per costruire un’ identità turistica ben precisa mentre noi, che di caratteristiche e peculiarità ne abbiamo a centinaia, non abbiamo ancora imparato a conoscerle ed a valorizzarle al meglio. E questo a mio avviso è gravissimo! A maggior ragione da parte delle “nuove” generazioni che di eoliano e di nuovo ormai hanno ben poco.(E’ proprio vero che il “nuovo” sta , o dovrebbe stare, nella mentalità e non certo nell’ età anagrafica.) Oggi tutti potremmo beneficiare dei flussi turistici, nelle campagne così come nelle zone costiere, semplicemente se avessimo saputo mantenere (la parola MANUTENZIONE ha diverse applicazioni, tutte molto importanti e molto poco messe in pratica: dall’ architettura all’ artigianato, dalla coltivazione della terra alle tradizioni popolari) ciò di cui per natura disponevamo integrandolo con un po’ di tecnologia e di modernità e tanto, tanto buon senso. Saluti Laura Natoli

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 7/9/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Appartamenti Quattropani Lipari
Villa Mulino a Vento Lipari Villa Mulino a Vento Lipari
1.000.000
Vendesi villa Cappero Lipari Vendesi villa Cappero Lipari
650.000
Rudere con terreno Serrofico Quattropani Lipari Rudere con terreno Serrofico Quattropani Lipari
420.000
Casa tipica eoliana Montegallina Lipari Casa tipica eoliana Montegallina Lipari
320.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Agghiotta di pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult