Fisioterapista indagato per truffa

Fisioterapista indagato per truffa Gazzetta del Sud Leonardo Orlando LIPARI Il sostituto procuratore Francesco Massara ha concluso le indagini sui singolari risvolti di una presunta truffa commessa ai danni di anziani e disabili che necessitavano di cure fisioterapiche e riabilitative erogate dal Servizio sanitario nazionale nell'arcipelago delle Eolie. Un fisioterapista residente a Lipari, dipendente di una cooperativa che per conto dell'Asl 5 di Messina doveva effettuare prestazioni domiciliari ad anziani e disabili – anche minori – con difficoltà di deambulazione non effettuava fino in fondo il suo dovere e invitava i pazienti a proseguire le cure "a pagamento" nella sua casa dove aveva allestito una sorta di ambulatorio abusivo. Gli anziani e gli invalidi, ma anche i minori, ai quali spetta per legge l'esenzione dal pagamento per le prestazioni, venivano sottoposti alle cure del fisioterapista il quale invece di effettuare regolarmente e per intero il trattamento sanitario, dopo pochi minuti salutava i pazienti e dava agli stessi appuntamento presso il proprio studio qualora avessero voluto ricevere il resto della prestazione. Il tutto a pagamento, senza fatture o ricevute. Ma qualche paziente si è ribellato denunciando la vicenda. Al fisioterapista "infedele" che dirottava i pazienti nel suo ambulatorio è stato già notificato l'avviso di conclusione delle indagini e contestuale informazione di garanzia con cui si ipotizza il reato di truffa ai danni dello Stato. L'uomo, di cui ancora non sono state rese note le generalità, dovrà anche rispondere agli agenti del Fisco che chiederanno conto e ragione del mancato pagamento dei tributi dovuti per gli emolumenti incassati dalle prestazioni extra che effettuava nella sua casa. Le indagini sono state delegate alla Guardia di Finanza. La Procura di Barcellona ha avviato gli accertamenti investigativi già un anno fa, quando gli inquirenti per ben 12 mesi hanno seguito il fisioterapista nei suoi continui spostamenti nei diversi domicili dei pazienti che doveva assistere per conto dell'Asl 5 di Messina. Durante le indagini gli investigatori si sono appostati prima nelle singole case degli assistiti e poi dinanzi all'ambulatorio privato creato clandestinamente. Sono stati annotati in maniera certosina gli orari di entrata e di uscita di tutte le persone che nella propria abitazione ricevevano – come prassi regolare – la visita del fisioterapista inviato dall'Asl. Successivamente i servizi di controllo e di osservazione si sono spostati su quei pazienti che si recavano – su invito esplicito del tecnico della riabilitazione – allo studio privato per ottenere le prestazioni che avrebbero dovuto essere assicurate gratuitamente al domicilio degli assistiti. Prestazioni pagate ovviamente con fondi pubblici erogati dal Servizio sanitario nazionale. Gli inquirenti, dopo aver acquisito i documenti presso gli uffici del locale presidio sanitario ed averli incrociati e comparati con i dati in possesso e con le testimonianze dei pazienti raggirati, hanno tratto le conclusioni e denunciato l'uomo. Dagli atti dell'inchiesta è emerso con chiarezza che alcuni trattamenti sanitari rivolti a pazienti non deambulanti, avevano durata temporale inferiore a quella prevista ed indicata nei prospetti comprovanti l'avvenuta prestazione.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 5/13/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Attico con terrazzo e garage Lipari
Villetta a schiera Pianoconte Villetta a schiera Pianoconte
245.000
Vendesi casa da ristrutturare Acquacalda Lipari Vendesi casa da ristrutturare Acquacalda Lipari
Trat. riserv.
Rudere Quattropani Lipari Rudere Quattropani Lipari
110.000
Vendesi villa antica Lipari Vendesi villa antica Lipari
520.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Carciofi ripieni

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult