"Fuori dall'Mpa chi instilla veleni e discredito"

"Fuori dall'Mpa chi instilla veleni e discredito" Gazzetta del Sud Palermo- Il leader dell'Mpa Raffaele Lombardo, di rientro domenica sera dal tour de force nelle Eolie (prima a Salina, poi a Lipari) ha letto sulla "Gazzetta" della delusione di 25 sindaci dell'area dell'Alcantara che lo attendevano quello stesso giorno al convegno di partito presieduto da Carmelo Lo Monte e Lino Leanza. E ieri ha scritto a ciascuno di loro una lettera per non avallare la sensazione che si fosse sottratto al confronto: «Al convegno non sono stato invitato; ne sono stato informato, per puro caso, mercoledì quando da tempo vi erano in agenda incontri a Palermo, Agrigento e, dal tardo pomeriggio di sabato, nelle Eolie». Nel merito di alcune questioni agitate, ha bollato come «falso che il Governo regionale voglia accorpare Enti locali. È risaputo piuttosto della presa di posizione a favore dei piccoli Comuni assunta allorquando a Roma si proclamava di volerli abolire». Quanto allo scioglimento (delle Province) si tratta di un ddl ancora da presentare per sostituirle coi Liberi Consorzi dei Comuni e dell'ipotesi di un robusto decentramento di poteri, risorse, personale regionale a Comuni e istituendi Consorzi. «Nel Convegno - scrive Lombardo a ciascun sindaco - si sarebbe affermato che è cresciuta la spesa sanitaria? Sa bene che non è così: le spese si sono anzi ridotte, è stato rispettato il piano di rientro e si è avviata un'opera di risanamento la cui validità ci viene riconosciuta non solo in Italia». Respinge quindi i toni usati nella convention Mpa, un "fuoco amico" ormai costante da parte di alcuni insofferenti, degno della più fiera opposizione: «È onesto parlare di immobilismo quando si riscrive un piano di rifiuti che ha archiviato il coacervo di malaffare e di malapolitica che erano i quattro mega termovalorizzatori; quando si riforma la legge sugli appalti; si stabilizzano migliaia di precari; si bloccano le assunzioni in una Regione che scoppia di personale; si riforma la formazione introducendo finalmente paletti e regole certe; si introduce il voto confermativo per la scelta del sindaco risparmiando alle comunità i tanti signor nessuno figli del trascinamento delle liste; e si fanno mille altre cose e soprattutto si difendono, a costo di quotidiane aggressioni, sempre e comunque, i diritti della Sicilia e di un Sud mai come in questi anni calpestati? Aggiungo che io non solo non mi sottraggo, ma sono disponibile sempre al confronto soprattutto con chi come un sindaco è portato giorno per giorno a fronteggiare mille problemi». Infine una riflessione sul futuro dell'Mpa: «Sono certo che molti errori vanno corretti; che va riscoperto il gusto della militanza; applicate regole democratiche; il Movimento va radicato nel territorio a difesa della sua identità e dei suoi valori. Ma sono altrettanto certo che chi istilla a giorni alterni discredito sfiducia, malumore, non solo non ha futuro nell'Mpa, ma nuoce a un'idea nobilissima, quella dell'autonomia e della libertà del nostro popolo, alla quale, mi creda, tra mille ostacoli, insulti, difficoltà di ogni tipo, stiamo dedicando, perché è nostro dovere, ogni risorsa fisica e mentale».

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 27/09/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Rudere sul mare con progetto
Villa indipendente Pianoconte Villa indipendente Pianoconte
350.000
Rustico Quattropani isola di Lipari Rustico Quattropani isola di Lipari
490.000
Vendesi villa Annunziata Lipari Vendesi villa Annunziata Lipari
600.000
Villa Quattrocchi Lipari Villa Quattrocchi Lipari
420.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Maccheroni al sugo di cernia

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz