E Giacomantonio si auto intervista (1)

E Giacomantonio si auto intervista (1) Riceviamo da Michele Giacomantonio e pubblichiamo: Sulle vicende politiche delle ultime settimane la confusione è sovrana. In particolare in relazione ai rapporti fra PD e UDC. E non manca chi parla di tentativi, dall’interno del PD, di arrivare ad una “spaccatura verticale del partito, esclusivamente per ambizioni personali fuori dal tempo” e c’è anche chi sostiene che il PD sarebbe vittima di una “destabilizzazione orchestrata da alcune menti molto fini”. Non ci vuole molto acume per capire che questi riferimenti hanno un obiettivo ben preciso e cioè Michele Giacomantonio. Per questo pubblichiamo una intervista nella quale abbiamo cercato di fare chiarezza. Il primo punto che mi sembra di chiarire è se risponde al vero che fino a poco tempo fa, prima del tuo rientro in campo, tutto fosse sereno e UDC e PD andavano felicemente e concordemente incontro alle elezioni sotto la candidatura a Sindaco di Giorgianni. Quando, col nuovo anno, ho ripreso ad interessarmi di cose politiche liparesi, per prima cosa, ho partecipato ad un incontro del PD nello studio del segretario dove Peppe Cincotta ha messo i partecipanti al corrente di un precedente incontro con l’UDC. Cincotta giudicava questo incontro positivo perchè non si era parlato di candidature segno che ci si trovava dinnanzi ad una apertura tanto che, a quel punto, si era sentito autorizzato come PD a fare alcuni nomi di possibili candidati PD fra cui, mi sembra di ricordare, quello di Aldo Natoli ed il mio. Sommessamente dissi che preferivo starmene fuori ma lui mi rispose che la situazione politica era difficile ed ognuno doveva dare il suo contributo. Fu la prima volta che cominciai a considerare la possibilità non di una mia candidatura (che non c’è ancora) ma di una disponibilità ad un percorso per delle primarie o una assemblea amplia con diversi candidati dove il PD avrebbe potuto usare il mio nome a fianco ad altri, se ve ne fossero stati. Si badi bene, la richiesta di avanzare una candidatura del PD, non voleva dire sfiducia nei confronti di Giorgianni ma una manifestazione di pare dignità fra due partiti come PD e UDC. D’altronde questa richiesta non metteva in discussione la candidatura se era vero, come si sosteneva, che l’UDC aveva un maggior numero di quadri e di militanti, perché avrebbe facilmente trionfato nella prova ed avrebbe reso più forte la candidatura di Marco legittimandola con un consenso ampio. Qualche giorno dopo, una domenica mattina, ci fu un direttivo del PD dove all’unanimità fu deciso che all’incontro ufficiale con l’UDC della sera successiva avremmo proposto la nostra disponibilità a dare vita ad un movimento civico con l’UDC ed altre forze a condizione che si facessero le primarie o, almeno ,una assemblea ampia dei quadri dalla quale emergesse il candidato a Sindaco. Se ci avessero chiesto chi era il nostro candidato avremmo risposti che avevamo diverse disponibilità (Melino, Biviano,La Greca…) e che avremmo deciso nei giorni seguenti. La riunione con l’UDC la sera del lunedì successivo non andò bene perchè diversi partecipanti (Lauria, Spinella, Casale…) dichiarano la loro indisponibilità a discutere sul candidato Sindaco perchè davano per scontato che questo fosse Giorgianni. Ma come si è formata la convinzione che il PD fosse d’accordo sulla candidatura Giorgianni? Su questo punto non saprei che rispondere. Nell’ultimo anno sono stato fuori dalla politica impegnato in vicende personali molto gravi. Posso solo dire che nell’ultima riunione di direttivo a cui partecipai (nello studio dell’avv. Carnevale) nella prospettiva delle amministrative si era confermato all’unanimità la volontà di un accordo con l’UDC ma per la candidatura a Sindaco vi erano posizioni diverse a cominciare dalla mia che proponevo le primarie. Feci un comunicato in cui – visto la situazione familiare – escludevo una mia candidatura ma avrei dato il mio contributo ad un candidato uscito dalle primarie. Già fin da allora era chiaro che Giorgianni non era disponibile a questo passo. Fui sorpreso, quando dopo questo Natale, tornai ad interessarmi delle vicende politiche vedere che la situazione era allo stesso punto, non solo ma che la tesi delle primarie aveva guadagnato consensi e che su di essa vi era la maggioranza del Partito a cominciare dal Segretario. Unica variante che siccome l’UDC dichiarava che le “primarie non erano nel suo DNA” si poteva prendere in considerazione l’idea di una assemblea ampia dei militanti. Una assemblea non solo PD e UDC ma – vista la drammatica situazione delle isole e del Comune - allargata a quanti non condividevano o non condividevano più l’attuale amministrazione. SEGUE

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 2/10/2012

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Ruderi e terreni sul mare Lipari
Rudere Cugne con progetto Lipari Rudere Cugne con progetto Lipari
320.000
Rudere panoramico Lipari Rudere panoramico Lipari
230.000
Villa indipendente Pianoconte Villa indipendente Pianoconte
350.000
Quattropani rudere panoramico Lipari Quattropani rudere panoramico Lipari
170.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Dùrci i casa by Tiziana Basile

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult