Martin Creed tra arte e illusionismo ad Alicudi.

Martin Creed tra arte e illusionismo ad Alicudi.

Bombetta, baffetti, personalità eccentrica, Martin Creed è la personificazione della sua arte. Minimalista? Forse. Concettuale? Certamente. Un artista poliedrico sebbene non si definisca tale, un musicista apprezzato, un sognatore, Creed resta costantemente in bilico tra follia e rigore, un funambolo che ricerca logica nel caos. Non a caso, Creed non titola le sue opere ma si limita a numerarle in serie, quasi fossero i modelli di un’unica scuderia. Work 577 non è un quadro, né una scultura, né un’istallazione, ma è un piccolo saggio su una piccola isola.    

Da dove nasca l’ispirazione è lo stesso Creed a suggerirlo.
Qualche anno fa guardavo Caro Diario, di Nanni Moretti. Nel film Nanni e i suoi amici cercano pace e silenzio e finalmente li trovano, dopo molti tentativi falliti, nell’isola di Alicudi poco lontano dalla Sicilia. L’estrema pace e il silenzio, comunque, a un certo punto diventano troppo forti e ai protagonisti manca la loro soap opera preferita. Scappano via da Alicudi cercando disperatamente una televisione.
In quell’istante Creed e la sua compagna di allora, Paola Pivi, decidono di rifugiarsi in quell’isola dalla quale i protagonisti di Caro Diario erano appena fuggiti.
Sin dal primo soggiorno ad Alicudi, risalente al 2000, l’artista britannico resta affascinato dal mistero e dal magnetismo dell’isola.
Come un’isola dei cartoni animati, uno scoglio che spunta dal mare, come un’isola disegnata da un bambino, o come uno dei pianeti su cui atterrano i protagonisti di Star Trek Alicudi proprio non sembra reale, sembra fatta di cartone. Così emozionante, luminosa, splendente e ricca di contrasti, Alicudi sembra finta, fatta con Photoshop: Alicudi è forse il posto più bello in cui sia mai stato in tutta la mia vita.
Per Martin Creed Alicudi è un’isola surreale, difficile da raggiungere, difficile da lasciare. È uno dei pochi posti al mondo che appare e scompare come un gioco di luci e ombre. Del resto, tutto nell’arte di Creed sembra essere sul punto di dissolversi.
Alicudi la vedi sempre mentre ti si avvicina. Prima di arrivarci la puoi vedere a distanza dalla nave: un punto minuscolo all’orizzonte e poi quel piccolo punto diventa un punto a dimensioni naturali che ci puoi salire sopra. Al contrario, andare via da Alicudi è straordinario e triste. Non capita spesso che tu possa lasciare un qualche posto e che lo veda diventare sempre più piccolo fino a che non scompare.
L’amore per Alicudi, paradiso e prigione, porta Creed all’acquisto di una casa nella quale risiede per un anno intero (2003). Nel suo saggio ringrazia gli isolani per tutto l’aiuto ricevuto. 

Di Deborah Tagliarini



Data notizia: 25/03/2014

Tags

Martin Creed - Alicudi - arte e illusionismo -



Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi secondo piano Canneto Lipari
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Villetta Tipica S. Margherita Lipari Villetta Tipica S. Margherita Lipari
155.000
Vendesi secondo piano Canneto Lipari Vendesi secondo piano Canneto Lipari
430.000
Casa indipendente Pianoconte Casa indipendente Pianoconte
880.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Torta al Cioccolato con Panna Fresca by Marzia Ricca

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz