Balthus: in mostra a Roma

Balthus: in mostra a Roma

La capitale ricorda, con una grande mostra monografica divisa in due sedi, a quindici anni dalla morte, Balthasar Klossowski de Rola, in arte Balthus, maestro tra i più originali e misteriosi del Novecento, il cui rapporto con la città eterna si considera determinante per gli indirizzi della sua arte. In mostra duecento opere, tra quadri, disegni e fotografie, provenienti dai più importanti musei europei ed americani oltre che da prestigiose collezioni private, che diventano percorso in due tanto diversi quanto meravigliosi set: alle Scuderie del Quirinale c’è una retrospettiva molto ricca dei capolavori più noti; mentre a Villa Medici possiamo vivere un’esposizione che, attraverso le opere realizzate durante il soggiorno romano, mette in luce il metodo e il processo creativo di Balthus: la pratica di lavoro nell’atelier, l’uso dei modelli, le tecniche e la fotografia. Balthus nasce a Parigi da padre polacco e madre russa, che gli fanno trascorrere l’infanzia tra Berlino, Berna e Ginevra al loro seguito, rientrando in Francia solo nel 1924 impregnato di cultura mitteleuropea. Ispirato in giovanissima età dai maestri del Rinascimento toscano e in particolare da Piero della Francesca, scoperti in occasione di un primo viaggio in Italia nel 1926, Balthus genera le sue composizioni attraverso un pensiero figurativo e una chiarezza logica ereditati dalla cultura artistica italiana. È proprio da questa tradizione - perfezionata dalla conoscenza dei movimenti italiani del Realismo magico e della Metafisica, oltre che dalla Nuova Oggettività tedesca - che trae origine quell’ermetica staticità che distingue la sua produzione pittorica, in particolare quella che risale agli anni Trenta. Dopo la guerra, la pittura di Balthus cambia, diventa più piena e le immagini prendono ad oggetto ragazze adolescenti rappresentate in momenti intimi. Ad accrescere l’amore della cultura italiana nel 1961 si inserisce l’esperienza del soggiorno romano come direttore dell’Accademia di Francia a Roma, Villa Medici. L’incarico dura diciassette anni, durante i quali Balthus approfondisce la pratica del disegno e della pittura e si misura col progetto del restauro dell’edificio e dei giardini storici, che sono accessibili ai visitatori della mostra. Fino al 31 gennaio fra le Scuderie del Quirinale e Villa Medici.

di Daniela Bruzzone



Data notizia: 24/11/2015

Tags

Balthus - mostra - Roma -



Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi secondo piano Canneto Lipari
Proprieta commerciale e residenziale Lipari Proprieta commerciale e residenziale Lipari
920.000
Primo piano casa vico Bezzecca Lipari Primo piano casa vico Bezzecca Lipari
180.000
Vendesi secondo piano Canneto Lipari Vendesi secondo piano Canneto Lipari
430.000
Vendesi secondo piano Corso di Lipari Vendesi secondo piano Corso di Lipari
230.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Spaghetti alla strombolana

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz