"In Sicilia occorrono tre grandi musei marini"

"In Sicilia occorrono tre grandi musei marini" Michele Merenda SALINA In mattinata ieri, nella sala consiliare del Comune di S. Marina Salina, si era svolta una prima conferenza per presentare i risultati ottenuti durante la campagna di sondaggi sottomarini. C'era anche l'assessore regionale ai Beni culturali Gaetano Armao, che ha ringraziato tutti «per il lavoro fin qui svolto, che sta a dimostrare come la collaborazione tra pubblico e privato ormai è un modello a cui ispirarsi. Queste scoperte suggellano di fatto il parco archeologico delle Eolie, diventando un'importante opportunità di crescita. I visitatori dovrebbero avere un percorso culturale da seguire. A mio avviso – ha concluso Armao – in Sicilia occorrono due o tre grandi musei marini e poi la realizzazione di tanti punti collegati mediaticamente con i centri principali». «Le immagini visionate oggi – ha detto invece il soprintendente Tusa – sono il frutto di una sana e corretta sinergia. In un momento in cui c'è una forte crisi economica, la collaborazione internazionale diventa importante per raggiungere certi obiettivi. Quella della ricerca di alta profondità – ha spiegato Tusa – è stata una scelta mirata; purtroppo, attorno ai 40 m. di profondità buona parte dei possibili ritrovamenti è andata distrutta o depredata. Ecco quindi la necessità di spingerci anche oltre i 100 m. Vorrei sottolineare la sensibilità della Aurora Trust, che si è messa a disposizione per focalizzare quella che è una grande ricchezza culturale. Un plauso al sindaco Lo Schiavo, che ha mostrato grande attenzione ed interesse per questa ricerca». «Oggi – ha dichiarato il sindaco Massimo Lo Schiavo – viviamo una scommessa suggestiva che di fatto è iniziata l'anno scorso. I nostri punti di partenza sono diventati presto delle mete, che a loro volta dovranno essere nuovi punti da cui partire. Ho visionato le immagini ed è una grande emozione pensare alla scoperta di qualcosa risalente a centinaia di secoli a circa 110 m. di profondità nei nostri mari. Questa verifica continuerà anche l'anno prossimo ed intanto ringrazio tutti per il loro lavoro. Colgo l'occasione per auspicare la nascita di un'area marina protetta, che garantisca la salvaguardia ambientale. Per esempio le piante di Poseidonia sono in serio pericolo, rischiando di compromettere il nostro equilibrio».

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 7/25/2010

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari
Villa San Salvatore Lipari Villa San Salvatore Lipari
1.800.000
Attico con terrazzo e garage Lipari Attico con terrazzo e garage Lipari
370.000
Casa Monte Rosa Lipari Casa Monte Rosa Lipari
250.000
Quattropani rudere panoramico Lipari Quattropani rudere panoramico Lipari
170.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Zucchine e Gamberetti by Marco Miuccio

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult