Eolie, sollecitati corsi per guide

Eolie, sollecitati corsi per guide lettera del consigliere comunale Pietro Lo Cascio sulle guide turistiche che operano nelle Eolie. a seguire il testo integrale: Al Presidente della Regione Siciliana On. Salvatore Lombardo Palazzo d’Orleans Piazza Indipendenza 21 – 90129 Palermo Al Direttore Generale dell’Assessorato Regionale al Turismo Avv. Carmelo Pietrorusso via Emanuele Notarbartolo 9 – 90141 Palermo Al Sindaco del Comune di Lipari Dr. Mariano Bruno c/o sede comunale e p.c. al Collegio Regionale Guide Alpine e Vulcanologiche della Sicilia via Etnea 49 – 95030 Nicolosi (CT) Oggetto: mancato svolgimento dei corsi di abilitazione previsti dalla L.R. n. 6 del 2/1/1989. Gentili Signori, scrivo per porre alla Vostra attenzione un fatto che, oltre a costituire una grave e palese violazione della legge, da anni penalizza e mortifica ingiustamente le lecite aspirazioni occupazionali di un vasto numero di giovani residenti alle Isole Eolie. La legge regionale 28/96 stabilisce che l’accesso ai crateri attivi, e tra questi lo Stromboli, debba avvenire soltanto con l’accompagnamento di guide vulcanologiche autorizzate. L’abilitazione delle stesse, secondo quanto previsto dall’art. 7 della legge regionale 6/89, si consegue “mediante la frequenza degli appositi corsi teorico-pratici ed il superamento dei relativi esami”; tali corsi “sono organizzati su base regionale, sotto la vigilanza della regione, dal rispettivo collegio regionale delle guide”. L’ultimo corso, grazie al quale è stato possibile regolarizzare la posizione di alcune guide di Stromboli, è stato organizzato dal collegio regionale nel lontano 2001. Da allora l’accesso alla professione è di fatto “blindato”, poiché, nell’evidente tentativo di tutelare il “mercato” per le numerose guide che operano nell’area etnea, non sono stati più indetti altri corsi abilitativi, nonostante lo stesso articolo, più avanti, reciti perentorio: “i corsi sono organizzati almeno ogni due anni”. Siamo oggi dunque al settimo anno: sette anni trascorsi in violazione alle prescrizioni della legge 6/89, con il risultato di una grave omissione che penalizza una concreta possibilità occupazionale nel settore per i cittadini di Stromboli e dell’intero territorio comunale. Il fatto diviene ancora più paradossale se si considera che il numero annuale di visitatori del vulcano e la conseguente richiesta sono tali da rendere necessario, per le guide di Stromboli, l’avvalersi di colleghi provenienti da altre regioni, nonostante siano del tutto estranei alla realtà dell’isola, e ciò soltanto perché provvisti dell’abilitazione alla professione di guida alpina. Ritengo che la mancata organizzazione di corsi periodici costituisca una grave e ingiustificabile inadempienza, cui le autorità preposte devono porre rimedio con la massima urgenza. Che senso ha promuovere il turismo “sostenibile” e l’“ecoturismo” nelle isole minori, come avviene da anni e con un vasto numero di iniziative, e al contempo impedire ai loro abitanti di svolgere professioni qualificate nel settore? Quanti giovani eoliani potrebbero oggi lavorare come guide dello Stromboli, se il collegio avesse organizzato i tre corsi (2003, 2005 e 2007) previsti dalla legge? Certo di un Vostro riscontro, ringrazio le SS.VV. per la cortese attenzione e porgo i miei più cordiali saluti. Pietro Lo Cascio consigliere comunale del Comune di Lipari

, a cura di Tiziana Medda

Data notizia: 5/15/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Struttura turistica Lipari
Casa eoliana Cappero Casa eoliana Cappero
595.000
Casa eoliana San Leonardo Lipari Casa eoliana San Leonardo Lipari
450.000
Casa primo piano Canneto Casa primo piano Canneto
395.000
Affaccio sul mare Lipari Affaccio sul mare Lipari
380.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Tagliatelle allo scorfano

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult