Dietrofront Cassazione, Romano era eleggibile

Dietrofront Cassazione, Romano era eleggibile Gazzetta del Sud Francesco Celi Fortunato Romano si reinsedia all'Ars. Assistito dagli avvocati Marcello Scurria e Arturo Merlo, ha vinto la sua battaglia. Era candidabile ed eleggibile. Lo ha dimostrato in Cassazione, dopo sentenze sfavorevoli sbocco di un labirinto giudiziario lungo 17 mesi, "costringendo" – questo è il dato clamoroso – la Suprema Corte a modificare una propria sentenza. Siamo di fronte a un caso unico o quasi in Italia. Possibile grazie a una legge del 2006, che consente alla Cassazione di revocare una propria sentenza se sono subentrati fatti nuovi e non conosciuti nel corso del giudizio, che aveva visto soccombente Romano fino a ieri: ma bisogna dimostrarli inconfutabilmente. Il grimaldello – l'estrema ciambella di salvataggio, se preferite – è rappresentato dal punto 3 dell'articolo 395 del Codice di procedura civile, che contempla la possibilità di rivedere un verdetto, dal 2006 anche dopo il pronunciamento della Cassazione, prima non si poteva, se «dopo la sentenza sono stati trovati uno o più documenti decisivi che la parte non aveva potuto produrre in giudizio per cause di forza maggiore o per fatto dell'avversario». L'avv. Scurria ha fatto riferimento a cause di forza maggiore. Non appena la sentenza sarà notificata a Palazzo dei Normanni, Fortunato Romano, messinese e già segretario regionale del Movimento cristiano lavoratori, ingegnere cinquantunenne eletto tre anni e mezzo fa nella lista del Movimento per l'autonomia, tornerà ad occupare uno scranno di Sala d'Ercole. Gli farà posto il prof. Marcello Bartolotta, secondo dei non eletti nella lista Mpa, ex sindaco di Limina, che nei giorni scorsi era stato festeggiato dai suoi concittadini. Sia Romano sia Bartolotta hanno nell'on. Lo Monte il loro leader, ma Romano ha oggi un rapporto migliore con il governatore Lombardo di quanto non l'abbia Lo Monte: il che però non incrina una relazione che è soprattutto di forte amicizia tra il parlamentare nazionale originario di Graniti e il deputato regionale. È una vicenda quasi paradossale quella che ha visto al centro di un ricorso per ineleggibilità l'on. Romano. Ricorso che gli era stato mosso da Santino Catalano, primo dei non eletti nella lista Mpa, difeso dall'avv. Antonio Catalioto. Catalano, in sintesi, contestava a Romano di non essersi dimesso in tempo, e con questo non rispettando i "paletti" di legge, dal ruolo assunto prima della candidatura alle Regionali del 2008, ovvero commissario dell'Efal, un ente di formazione professionale derivazione del Movimento cristiano lavoratori. In realtà, come è stato dimostrato da ultimo e, evidentemente, non è stato possibile dimostrare nei precedenti 17 mesi, Romano si era dimesso dall'Efal un anno e mezzo prima della consultazione regionale. «Abbiamo potuto dimostrare con prove inconfutabili», commenta l'avv. Scurria, «che l'on. Romano si era dimesso il 31 dicembre 2006. I documenti dirimenti è stato possibile ottenerli solo ora». Abbiamo fatto riferimento a una situazione paradossale. E già, perché Santino Catalano, frattanto succeduto a Romano, è stato a sua volta dichiarato decaduto a seguito di ricorso: nel 2001 aveva patteggiato una pena a un anno e undici mesi per un abuso edilizio e non era ancora giunta la "riabilitazione" richiesta. Un giudizio di primo grado, quindi l'appello, intanto Catalano aveva lasciato l'Mpa per il Pid di Saverio Romano, infine la dichiarazione di ineleggibilità e la successiva proclamazione, un mese fa, del secondo dei non eletti Marcello Bartolotta, che adesso dovrà fare spazio a Romano. E a proposito di paradossi, giusto a chiusura del cerchio, Romano dopo l'elezione a deputato regionale nel 2008 era stato nominato assessore comunale alla Protezione civile (nessun emolumento) dal sindaco Buzzanca, ruolo che ha dovuto lasciare dopo la dichiarata incostituzionalità del doppio incarico. Torna all'Ars, con una soddisfazione in più: la Cassazione nel merito ha addirittura rigettato il ricorso proposto al Tribunale ordinario di Palermo nel febbraio 2009. Ciò significa, volendo forzare ma non troppo, che Romano di fatto non ha mai abbandonato l'Ars – a proposito di paradossi – e per questo gli dovranno corrispondere le indennità negategli in questo lasso di tempo.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 12/21/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi casa da ristrutturare Acquacalda Lipari
Casa Monte Rosa Lipari Casa Monte Rosa Lipari
250.000
Immobile vista mare Canneto Immobile vista mare Canneto
530.000
Casa Indipendente nella pineta Lipari Casa Indipendente nella pineta Lipari
390.000
Casa indipendente Pianoconte Casa indipendente Pianoconte
840.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Totani ripieni

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult