Eolie e non solo, dall’antipasto al dessert

Eolie e non solo, dall’antipasto al dessert


La forza della cucina eoliana  risiede non tanto nella quantità e nella varietà degli ingredienti utilizzati, quanto nella qualità e nella freschezza di ciò che si utilizza. Molti dei piatti che si trovano sulle tavole degli isolani non sono originariamente “eoliani”, ma comunque radicati nella cultura gastronomica dell’Arcipelago delle Lipari. Di seguito proviamo a proporre un pranzo tipico, a base di frutti e verdure, con piatti che sovente arricchiscono le tavole degli eoliani. I fiori di zucca costituiscono l’ingrediente principale per uno squisito antipasto. Ottimi da gustare in pastella, oppure a frittelle. Sia le prime (preparate con acqua e farina), che le seconde ( con formaggio, uova, farina o mollica), sono semplici e sfiziose. Un primo piatto ideale, sempre molto semplice e leggero, soprattutto durante il periodo estivo, è la pasta con il finocchietto selvatico. Il finocchietto  va fatto prima sbollentare il pentola e, dopodiché, soffritto leggermente in padella con aglio e pomodorini. Per chi lo desidera, è possibile aggiungere anche acciughe e capperi. Un secondo gustosissimo, spesso presente sulle tavole degli eoliani, è rappresentato dalle melanzane a barchetta. Le melenzane, farcite con mollica, formaggio, e possibilmente anche capperi, vengono cotte al forno. A qualcuno piace cucinarle in pentola, con tanto sugo.  In questo caso, la melenzana non va tagliata a metà, bensì lasciata intera, e farcita attraverso l’apposito cappuccio. Ovviamente, prima di cuocerle in pentola, vanno leggermente cotte in padella. A fine pranzo l’ideale è gustare fichi, nespole dolcissime, prugne e gelsi. A questo proposito, per la colazione, sono consigliate delle ottime confetture di fichi e prugne. Infine, un dolce amato da tutti gli eoliani: gli sfinci di zucca. Con pochi e semplici ingredienti è possibile preparare un dessert buonissimo, anzi no, SUPERBO. Zucca gialla, farina 00, acqua, lievito di birra, uvetta, rosmarino, zucchero e cannella. Il risultato è decisamente poco light. Ma del resto, quando in tavola c’è un dessert così buono, cosa importa di mettere su qualche chilo  ?! L’ideale sarebbe gustare gli sfinci caldi, appena scesi dalla padella, guarniti con zucchero e cannella, ma freddi  sono altrettanto buoni, ed oltretutto, a differenza degli sfinci d’ova, quelli di zucca non si induriscono, si mantengono mediamente morbidi per due, tre giorni. Il consiglio, una volta freddi, è di bagnarli leggermente con un po’ di vino cotto, e gustarli così, il risultato è formidabile.


di Caterina Saltalamacchia



Data notizia: 30/06/2015

Tags

Eolie - cucina - tradizione - antipasti - dolci -



Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi primo piano Portinente Lipari
Vendesi villa Annunziata Lipari Vendesi villa Annunziata Lipari
600.000
Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
250.000
Vendesi villa antica Lipari Vendesi villa antica Lipari
520.000
Casa indipendente panoramica Pianoconte Lipari Casa indipendente panoramica Pianoconte Lipari
800.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Giggi al vino cotto

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult