Quel maledetto traffico che avvelena l'estate

Quel maledetto traffico che avvelena l'estate L'EDITORIALE DI MICHELE GIACOMANTONIO A TELEISOLE: Il problema del traffico è uno dei nodi irrisolti di Lipari. Malgrado gli sforzi che si fanno il caos sembra regnare sovrano in alcuni momenti della giornata. Questo già in inverno figuriamoci poi nella stagione estiva. Troppe macchine, adoperate spesso ad ogni piè sospinto, senza una reale necessità. Alle macchine dei liparesi si aggiungono in estate quelle dei turisti senza che si sia riusciti a definire una vera limitazione degli afflussi. Spesso basta una autocertificazione o una certificazione compiacente ad aggirare la norma della permanenza sull’isola di almeno una settimana. Anche le certificazioni di invalidità a Lipari sono divenute numerosissime – si parla di più di mille – giacchè pare che basta aver superato i 65 anni e “godere” di una qualche sofferenza per potere ottenere l’apposito tagliando. Così vengono emesse ordinanze come quella recentissima che negava agli invalidi “in toto” l’accesso al corso nelle ore di isola pedonale e quindi l’accesso alle farmacie, al supermercato, alle poste, ecc. ecc. Chiaro esempio di come per gestire un problema lo si nega alla radice contravvenendo prima che a decreti che pure esistono alla norma somma del buonsenso. Come quando si è chiusa completamente per tutta la giornata la strada che permette di accedere alla parte superiore del cimitero con la giustificazione che la notte ci andavano le coppiette. Così si penalizzavano i parenti dei morti sepolti sul filare più alto del cimitero. Si dovette fare marcia indietro dopo pochi giorni dietro bordate di critiche e proteste. Gestire il traffico pubblico, soprattutto in estate, non è problema facile. E se dobbiamo riconoscere che quest’anno un passo in avanti nel problema dei parcheggi si è fatto con l’ordinanza che istituisce il disco orario e quindi ha consentito la possibilità di posteggiare chi viene a Lipari dalle frazioni per fare la spesa o sbrigare qualche faccenda personale, altri problemi rimangono irrisolti. Primo fra tutti il caos provocato dal semaforo che dovrebbe regolare il traffico fra viale Mons. Bernardino Re, Via Umberto I, via Garibaldi fino a piazza Mazzini. Già quella strada a traffico alternato nei due sensi rappresenta un pericolo di giorno. Motorini che passano con qualsiasi segnale a tutto gas, macchine parcheggiate lungo i bordi che restringono ulteriormente la carreggiata, macchine parcheggiate lungo i bordi o sui marciapiedi che non possono sapere quando scatta il verde e quindi si muovano alla ventura, ecc. ecc. Ma il pericolo diventa dopo le 21 un vero e proprio percorso di guerra da praticarsi in automobile. Premetto che non amo uscire la sera dopo cena. Invecchiando impigrisco e preferisco rimanere sul terrazzo a chiacchierare. E quando anche esco non prendo mai la macchina che rimane per giorni e giorni ferma a Piazza Mazzini. Ma qualche volta non se ne può fare proprio a meno e quindi sono costretto a uscire e prendere la macchina. Come è accaduto ieri sera. All’andata alle 20,30 nessun problema. Quando rientro a mezzanotte e imbocco viale Mons. Re comprendo subito che sarà un percorso difficile. Intanto questa via è ristretta da macchine e motorini parcheggiati tranquillamente sulla destra. Proprio nel momento in cui imbocco il viale una signora parcheggia una grossa macchina, un suv, proprio accanto al semaforo. La chiude e va via. Mentre mi avvicino scorgo almeno una decina di macchine ferme fra viale Mons. Re e l’imbocco di via Umberto primo alcune nel mio stesso verso che vorrebbero salire verso piazza Mazzini altre che invece vengono da piazza Mazzini e vorrebbero percorrere il viale Mons. Re. Per buoni dieci minuti non si va ne avanti ne indietro. Poi una persona di buona volontà, sostenendo il semaforo è rotto, invita quelle in entrata a fare marcia indietro e lasciare libero il passo a chi vuole uscire. Non è cosa facile perché intanto la fila si è allungata. Finalmente con pazienza, qualche nervosismo e qualche maledizione le cinque macchine in uscita riescono a passare e contemporaneamente il semaforo diventa verde. Quindi funziona? Boh. Ci avventuriamo per via Umberto I ma ecco che fatta una decina di metri vediamo altre cinque macchine sopraggiungere in senso contrario. Cercare scampo sui marciapiedi non si può perché sono zeppe di macchine e motocicli. Le macchine dietro di me sono brave e riescono a fare marcia indietro io riesco ad accostarmi al muro e lasciare passare le macchine senza strisciare le carrozzerie. Secondo ostacolo superato e mi incammino verso la sommità di via Umberto I . Riesco a schivare per un pelo un motorino che curva alla cieca in velocità e sbuco lemme lemme, in via Garibaldi. Anche qui stessa scena. Ci sono alcune macchine in discesa. Anche qui marcia indietro trovando posto oltre le barriere che bloccano l’accesso verso Marina Corta.. Ora è tutto libero, via di corsa, scusandomi con i pedoni che passeggiano tranquilli, verso piazza Mazzini. Questa avventura è accaduta a me che esco un paio di sere al mese ma penso che sia avventura di tutte le sere e tutte le notti. E ne avremo sino a quando non aprirà via Emanuele Carnevale che non è in programma per quest’estate. Ma non si può fare proprio niente? Intanto bisognerebbe vietare che si parcheggi lungo queste vie ( viale Mons. Re, via Umberto I e via Garibaldi). Bisogna vietare che si parcheggi di giorno quando i vigili sono in circolazione ed anche di notte sperando che una qualche gazzella dei carabinieri passi e multi i trasgressori. Parcheggiare sotto la finestra di casa è un lusso che non sempre ci si può permettere.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 31/07/2009

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa Il Baglio Lipari
Vendesi attico Lipari Vendesi attico Lipari
280.000
Vendesi casa Corso Lipari Vendesi casa Corso Lipari
250.000
Villa indipendente Pianoconte Villa indipendente Pianoconte
350.000
Appartamento vista mare Acquacalda Lipari Appartamento vista mare Acquacalda Lipari
250.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Zuppa di pesce

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult