Attracchi navi rifiuti-acqua: Lopes suggerisce (1)

Attracchi navi rifiuti-acqua: Lopes suggerisce (1) Riceviamo dall'ing. Felice Lopes e pubblichiamo: Egr. Sig. Sindaco, ho letto sui blog locali che ieri Mercoledì 28/11 c‘è stato un tavolo tecnico nel Suo studio tendente a trovare idonee soluzioni a tre obbiettivi di cui almeno due sono ritenuti da tutti obbiettivamente prioritari . Con questa mia desidero soffermarmi un attimo sulla ricerca di possibili soluzioni , capaci di trovare un degno accomodamento al posizionamento delle navi dei rifiuti e dell’acqua che attualmente stazionano rispettivamente Sottomonastero e Bagnamare . Non vi è alcun dubbio , infatti , che lo stazionamento attuale delle due navi vada rimosso. Infatti , il sito ,relativo alla nave dei rifiuti , arreca un danno d’immagine per via dei cattivi odori che accompagnano la movimentazione in banchina dei cassoni (che meriterebbero , per la verità ,maggiore pulizia ) mentre quello relativo alla nave cisterna è causa di rumori molesti al vicinato. La soluzione oggettivamente non è semplice . L’isola ha una peculiarità prettamente turistica ed il punto di forza sono le sue spiagge .Trattiamo il caso delle due navi separatamente . Prendiamo per primo il caso della nave della spazzatura e domandiamoci dove può trovare adeguato ancoraggio e possibilità di trasbordo. Scartato sottomonastero restano possibili al momento due sole possibilità. a) La testata del molo foraneo di Pignataro ; b) Lo scalo di Porticello . Il molo di Pignataro è da escludere per due motivi essenziali : a) Il trasferimento dei mezzi da e sulla nave sottopone il molo , di per sé malandato , a sollecitazioni che possono accrescere l’attuale inagibilità ; b) Trasferiremmo i cattivi odori in un ambito turistico di pregio per via degli alberghi presenti e delle imbarcazioni dei turisti che vi stazionano ; c) La larghezza del molo , specie nella sua parte iniziale , della strada e soprattutto dello svincolo che incrocia la provinciale Lipari Canneto non consentono adeguata sicurezza non soltanto agli autisti degli automezzi , ma soprattutto ai mezzi in transito sulla provinciale e ai pedoni che , specie d’estate , si muovono in quel tratto di strada . Lo scalo di Porticello a prima vista sembra il più idoneo . Ma una più attenta riflessione ci pone alcuni interrogativi : a) In estate Porticello ha una spiaggia attrezzata e frequentatissima e il via vai dei camion non passerebbe indisturbato; b) Non potendo disporre in loco di adeguato spazio di raccolta e movimentazione dei rifiuti , ne consegue che tutti gli automezzi ,carichi e scarichi, per potersi portare al punto di raccolta di Canneto Dentro dovranno attraversare tutto l’abitato di Canneto utilizzando o la Via Cesare Battisti o la Marina Garibaldi . In entrambi i casi lascio immaginare quali saranno , specie in estate, le reazioni legittime degli abitanti di Canneto ; c) La percorrenza dei camion aumenterebbe notevolmente causando maggiori ritardi e maggiori costi di gestione . Per la nave cisterna è , invece, sostenibile , ma non ottimale , l’utilizzo della testata della diga foranea di Pignataro . L’utilizzo, infatti, non arrecherebbe danno alla struttura in quanto non ci sono mezzi pesanti in transito . L’unico intervento occorrente riguarderebbe il posizionamento della condotta di scarico . Quest’ultima potrebbe essere interrata ( posizione sconsigliata per via degli assestamenti possibili dei cassoni che potrebbero spezzare la condotta a meno che non si usino tubi flessibili ) o posizionata , mascherata o meno, sull’estradosso della diga foranea ( posizione consigliata anche dal punto di vista economico ) ma sempre utilizzando tubi flessibili per via dei sempre possibili assestamenti della struttura. Al termine della diga la tubazione , regolarmente interrata, si allaccerebbe all’attuale condotta che alimenta il serbatoio posizionato all’ingresso del tunnel lato Lipari . Ci sono anche in questo caso problemi da superare quali , ad esempio , : a) la posizione di ancoraggio , che metterebbe la nave esposta allo scirocco ; b) la scarsa controventatura di poppa per l’esiguità della larghezza della testata ; c) La sollecitazione , inevitabile in caso di mare mosso , che le funi di ormeggio eserciterebbero sul cassone di testa ,che sembra non essere , ancora oggi , perfettamente assestato .

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 11/29/2012

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
Casa Monte Rosa Lipari Casa Monte Rosa Lipari
250.000
Vendesi casa Corso Lipari Vendesi casa Corso Lipari
250.000
Villa sul mare Capistello Lipari Villa sul mare Capistello Lipari
630.000
Casa indipendente Pianoconte Casa indipendente Pianoconte
840.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Agghiotta di pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult